Nel private banking europeo su le masse, giù i profitti

A
A
A
Private di Private 21 Luglio 2020 | 09:41

Prosegue il calo dei profitti per l’industria europea del private banking, che all’opposto continua a registrare una crescita delle masse gestite. E’ il principale risultato che emerge dall’indagine annuale sul settore realizzata da McKinsey.

La società di consulenza calcola che nel 2019  i profitti aggregati dell’industria sono diminuiti del 1,5% rispetto al 2018, assestandosi a 13,3 miliardi di euro (erano 13,5 miliardi nel 2018), mentre la profittabilità ha raggiunto il valore minimo degli ultimi 12 anni, pari a 21 punti base (erano 22 bps nel 2018 e 35 bps nel 2007). La raccolta netta nel 2019 ha raggiunto il 2% delle masse totali, confermando la crescita del 2018, anche se il buon andamento dei mercati finanziari ha consentito una crescita complessiva del 10%.

Ancora in calo anche i margini di ricavo che scendono a 73 punti base della masse rispetto ai 75 bps del 2018 (erano 96 bps del 2007). All’opposto, i 2019 i costi complessivi hanno continuato a crescere in linea con i ricavi, ma i margini di costo sono scesi a 52 bps da 53 bps dell’anno precedente.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Private banking, il Covid accelera il processo di trasformazione

Risparmio gestito, record di profitti

Consumer finance: lezioni dalla Svezia

NEWSLETTER
Iscriviti
X