Credit Suisse-Ubs, prove di fusione

A
A
A
Avatar di Redazione 15 Settembre 2020 | 09:41
Secondo la testata svizzera Inside Paradeplatz i due colossi avrebbero iniziato i colloqui per arrivare a concretizzare l’affare entro il 2021. Tutti i dettagli.

Tornano prepotenti i rumors di una possibile fusione tra Ubs e Credit Suisse, rispettivamente prima e seconda banca svizzera. Come riporta Il Sole 24 Ore, tra il presidente del cda di Ubs, il tedesco Axel Weber, e il suo omologo in Credit Suisse, Urs Rohner, ci sarebbero colloqui in corso per arrivare a un accordo. Il progetto, secondo indiscrezioni di stampa, avrebbe già un nome: Signal. E dovrebbe essere svelato all’inizio del 2021, per poi concretizzarsi alla fine del prossimo anno. La notizia era rimbalzata sul sito elvetico di informazione finanziaria Inside Paradeplatz, innescando diversi movimenti di Borsa sui titoli dei due istituti, tanto che nella giornata di lunedì Ubs ha terminato con un rialzo del 2,5% e Credit Suisse con un progresso del 4,3%. I movimenti sui titoli non sono la prova dell’esistenza di trattative, ma sicuramente sta a significare che gli operatori finanziari giudicano la notizia molto verosimile.

Sta di fatto che, secondo la testata elvetica, Axel Weber avrebbe già informato delle sue intenzioni il ministro delle Finanze Ueli Maurer e la Finma, l’autorità di vigilanza sui mercati. Addirittura, ci sarebbero già ipotesi sulla governance: Weber sarebbe presidente del cda del nuovo gruppo e rimarrebbe così al vertice oltre il 2022. Il ceo del nuovo gruppo, invece, potrebbe essere lo svizzero Thomas Gottstein, attuale timoniere di Credit Suisse. In caso di fusione, sempre secondo Inside Paradeplatz, i tagli al personale sarebbero in evitabili. Il nuovo gruppo, infatti, potrebbe vedere una sforbiciata del 13% dei posti, considerando gli attuali 48 mila dipendenti di Credit Suisse e i 70 mila di Ubs, per un totale di circa 15 mila addetti.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Osorio al vertice di Credit Suisse

Credit Suisse, una botta da 450 milioni

Credit Suisse, appuntamento sull’edutainment per The Digital Times

Credit Suisse, al via un nuovo fondo sul mercato azionario italiano

Credit Suisse, un’altra fuga di banker

Svizzera, scovati i conti nascosti dei nazisti

Fisco, la Svizzera spoglia i correntisti

Credit Suisse, Thiam si sente vittima del pregiudizio

Credit Suisse AM, svolta sugli etf

Credit Suisse, resa dei conti ai vertici

Credit Suisse, ammesso un altro caso di spionaggio

Fondi di investimento: stretta di mano tra Credit Suisse e Lombard Odier

Credit Suisse, l’utile raddoppia sulla scia del wealth management

Global Wealth 2019: stiamo diventando più ricchi

Credit Suisse, ritorno di fiamma americano per il wealth management

Credit Suisse, Vio guida l’Italia

Credit Suisse AM, ecco un nuovo portfolio manager

Wealth management, colpo grosso di Ubs

Credit Suisse: basta nuove filiali e milioni sul digital

Credit Suisse, secondo trimestre in grande spolvero

Credit Suisse toppa lo stress test della Fed

Trimestrali contrastanti per le big svizzere

Salone del Risparmio, Credit Suisse AM prosegue il Viaggio nel Futuro

Viaggio nel futuro con Credit Suisse AM

Wealth management, Spreafico passa da Indosuez a Credit Suisse

ConsulenTia19, gestori in vetrina: Credit Suisse AM

Credit Suisse AG, un nuovo asso per il real estate

Bellingeri lascia iShares per Credit Suisse

Credit Suisse, altri 30 milioni in Italia

Credit Suisse, i numeri del trimestre deludono

La scure di Credit Suisse sulle banche italiane

Credit Suisse, i bond sulle ali del Dragone

Risparmio gestito, il revival della bancassicurazione

NEWSLETTER
Iscriviti
X