Investimenti: l’oro non tradisce

A
A
A
Roberto Falzoni di Roberto Falzoni 5 Novembre 2020 | 06:54

Chi ha ragione tra i mercati finanziari che corrono scommettendo su una rapida soluzione della crisi e i bollettini sanitari, che invece evidenziano ancora un elevato tasso di contagi, con una tendenza alla crescita in vari paesi del mondo?

Durante l’estate abbiamo visto le borse americane, e in particolare l’indice tecnologico Nasdaq raggiungere nuovi massimi, seguiti da una forte correzione nel resto del mondo, ma comunque su livelli elevati. Insomma, a guardare i multipli sembrerebbe che non siamo nel pieno di una nuova stagione recessiva.

 

Il faro delle banche centrali

Le banche centrali hanno oramai il controllo dei mercati e le loro politiche monetarie super-espansive sono pronte a tutto pur di sostenere l’economia e far ripartire l’inflazione.

Per gli investitori questo mix è micidiale: nessun rendimento o addirittura negativo su cash e obbligazioni, mercati azionari a livelli di valutazione elevatissimi per le azioni tecnologiche che continuano a salire e più ragionevoli per i settori value della old economy, con tendenza alla discesa. Il tutto caratterizzato da fiammate improvvise di volatilità, che poi si ritrae, ma resta minacciosa sullo sfondo.

 

Incognite politiche

A rendere ancora più incerto lo scenario è l’avvicinarsi delle elezioni presidenziali negli Stati Uniti, con la campagna elettorale sempre più infuocata e senza esclusione di colpi.

In questa situazione credo che il miglior consiglio sia ridurre l’esposizione e aspettare che ci sia più chiarezza e privilegiare la qualità.

Per chi vuole restare sui mercati favoriamo investire in fondi/manager che possano adattare la loro asset allocation e le loro posizioni rapidamente. Il settore tecnologico resterà il favorito, ma visti i livelli raggiunti, meglio essere preparati a sopportare una forte volatilità.

 

Oro evergreen

L’unico attivo che sembra godere del favore unanime degli investitori è l’oro. Infatti anche se le quotazioni del metallo giallo sono entrate in fase di correzione dopo aver rotto la barriera dei 2000 dollari per oncia, offre sempre prospettive positive nel medio lungo periodo.

 

 

 

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation: l’oro che brilla

Asset allocation: ecco perché puntare sull’oro con copertura valutaria

Top 10 Bluerating: FundRock sempre al top nell’oro

Investimenti, oro o mai più

I venti di guerra spingono l’oro

Oro, avanti tutta con la strategia di zio Paperone

Oro, l’ombra del crimine sui lingotti fake

Asset allocation, l’oro per diversificare

Oro, scatto da centometrista: ai massimi dal 2013

L’oro continua a brillare

Oro, Ubs vede lo sprint a 1.600 dollari

Investitori spaventati, l’oro gode

Mercati, quanto corrono oro e petrolio

Le banche centrali puntano sull’oro

Investimenti in oro: è corsa verso il bene rifugio

Banche centrali: l’età dell’oro

WisdomTree: il 2019 avrà l’oro in bocca

Borse, scatta la corsa a oro e beni rifugio

Oro, c’è da scommetterci: lo dice Schroders

Asset allocation, è tornata tanta voglia di oro

E l’oro torna sexy: lo dice BofA Merrill Lynch

Albo Compro Oro dopo l’estate

Capitali, come portarli all’estero (legalmente)

Oro, si raffredda la domanda

Dopo attacco missilistico Usa alla Siria borse in calo, salgono bond, oro e petrolio

Il rialzo graduale dei tassi della Fed può favorire oro e materie prime

Trump sta vincendo, mercati finanziari mondiali nel panico

Wall Street apre novembre con un lieve calo degli indici

Citigroup: da Trump e dai tassi Usa sostegno alle quotazioni dell’oro

Oro, meglio gli Etf che i titoli minerari a questi livelli

Apple mette di buon umore Wall Street

La Turchia rende prudente Wall Street, risale l’oro

Wall Street parte bene, brillano Citigroup e General Electric

NEWSLETTER
Iscriviti
X