Un febbraio di gran corsa per gli hedge fund

A
A
A
Private di Private 9 Marzo 2021 | 06:22

Febbraio è stato un mese molto positivo per il settore degli hedge fund, che si sono mostrati molto abili nel destreggiarsi tra aumento delle materie prime e turbolenze legate a una possibile accelerazione dell’inflazione, che si tirerebbe dietro un incremento dei tassi. L’HFRI Fund Weighted Composite Index (FWC) ha guadagnato il 4,1%, mentre l’indice HFRI 500 Fund Weighted Composite è salito del 3,2%.

Le performance sono state molto diversificate, con il decile superiore dell’HFRI che ha guadagnato il 16,3%, mentre il decile inferiore è sceso del 3,1% durante lo scorso mese mese. Come riportato in precedenza da HFR, il capitale totale degli hedge fund è balzato a 3,6 trilioni di dollari all’inizio del 2021, cioè 290 miliardi in un trimestre, che costituiscono il maggiore progresso della storia. Gli afflussi di attivi netti stimati per il quarto trimestre 2020 sono stati pari a 3,0 miliardi, portando gli afflussi totali per la seconda metà del 2020 a circa 16 miliardi.

Le strategie di copertura azionaria, che investono long e short in sottostrategie specializzate, hanno guidato la performance di febbraio poiché l’influenza degli investitori al dettaglio ha aumentato i volumi di negoziazione e gli investitori hanno esteso la loro attenzione a una gamma più ampia di singole azioni. 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X