Cash is trash

A
A
A
Roberto Falzoni di Roberto Falzoni 14 Aprile 2021 | 06:34

Di Roberto Falzoni

La svalutazione della moneta fiat, quella cioè non ancorata al valore del sottostante come accadeva un tempo con l’oro, potrebbe entrare in una fase  drammatica.

Viviamo una situazione particolare, con la crisi economica scatenata dalla pandemia di Coronavirus che non è ancora finita, mentre i mercati finanziari, immobiliari e delle materie prime sono in forte crescita da diversi trimestri.

I rendimenti

Uno sguardo ai rendimenti delle principali asset class da marzo 2020 a febbraio di quest’anno può aiutare a farsi un’idea più precisa. Il cash ha avuto una performance negativa dello 0,5%, l’indice S&P è salito del 60%, il Nasdaq addirittura del 90%, l’Eurostoxx del 55% e il Nikkei dell’85%. In crescita risulta anche l’oro (+20% di performance annua), anche se la sua performance sfigura al confronto con quella di altre commodity come l’argento (+110%), il petrolio (+200%), il rame (+100%) ei semi di soia (+70%). Solo i titoli di stato statunitensi a lungo termine hanno registrato una performance fortemente negativa (-15%).

Azione combinata

Un anno dopo il peggior crollo finanziario degli ultimi 100 anni, è importante seguite con attenzione ciò che sta accadendo. Politici e governi si stanno imbarcando in piani di spesa massicci e incontrollati, aiutati dalle banche centrali, che hanno azzerato (o quasi) i tassi di interesse.

Le tre principali valute mondiali – dollaro americano, euro e yen giapponese – condividono una caratteristica pericolosa: le loro banche centrali Fed, Bce e Boj stanno stampando le rispettive valute per finanziare disavanzi pubblici che erano già troppo alti prima della crisi Covid e che ora si presentano come una spirale fuori controllo.

Occhio ai prezzi

Che cosa ci sta insegnando la storia? Il debito ha fluttuato durante i tempi e i cicli, ma la riduzione del debito e il ripristino del sistema non sono mai avvenuti senza intoppi. La prima questione può essere risolta solo tramite default, taglio dell’ammontare o inflazione. Gli economisti avvertono da tempo che la stampa illimitata di moneta potrebbe causare un picco dell’inflazione o addirittura iperinflazione. Un aumento troppo rapido dei prezzi dei beni al consumo potrebbe influenzare la società come in Germania nel 1919-1923 o più recentemente in Argentina o Venezuela.

Situazioni come queste sono sempre state precedute da bolle nei prezzi del mercato azionario, immobiliare e/o delle materie prime. Ecco perché non ci sorprende vedere i mercati azionari a nuovi massimi storici o i prezzi delle materie prime salire alle stelle come sta accadendo ora.

Sentiero stretto

Quindi i tassi di interesse inizieranno ad aumentare poiché le persone chiederanno rendimenti crescenti per compensare la perdita di potere d’acquisto.

Oggi l’aumento della spesa pubblica può essere finanziato solo con la stampa di denaro alle stelle di denaro fiat.

Ma il governo e le banche centrali non possono sopprimere i mercati per sempre e il riadattamento potrebbe avvenire all’improvviso con proporzioni devastanti.

La stampa di denaro progettata per gonfiare i prezzi delle attività finirà per distruggere la valuta quando scoppierà la bolla.

L’unica via d’uscita quindi è abbandonare la vecchia valuta e adottarne una nuova, ma coloro che non sono preparati perderanno tutto se rimarranno in contanti o nel debito pubblico emesso nella valuta di base.

Questo potrebbe essere uno scenario estremo che speriamo non si concretizzerà mai a questi livelli, ma ciò che stiamo avvertendo è che la liquidità che offre un valore nominale stabile potrebbe essere lo strumento più sicuro contro la volatilità, ma il peggiore in termini di potere d’acquisto nei tempi a venire. Non è ancora troppo tardi per prendere le misure appropriate.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X