Family Office, giro di vite negli Usa

A
A
A
di Antonio Potenza 11 Maggio 2021 | 11:30

Bill Hwang ha creato il precedente. Gli Stati Uniti non si sono fatti pregare ed è subito partita la caccia alle streghe. Dopo il caso Archegos, è divenuto chiaro che benché il settore valga 6mila miliardi di dollari (il doppio degli hedge) sfugga spesso alla maggior parte delle regole che toccano gli altri. Insomma, i family office non sembrano essere campioni di trasparenza.

L’antecedente di Archegos ha aperto uno spiraglio di indagine in questo “place” della finanza di alto livello che supera i sei miliardi. I family office offrono un ombrello di capitali “familiari”, ma spesso  ospitando società dalle strategie aggressive.

I regulators avvertono, come riporta Il Sole 24 Ore, che nel male la vicenda Archegos poteva andare anche peggio. E ciò significa che il “fattaccio” potrebbe capitare nuovamente, questa volta però apportando danni maggiori ai mercati. L’ammissione è di Dan Berkowitz, commissario Cftc, con la Sec una della autorità di controllo leader sul mercato americano.

L’attacco del commissario è diretto e annuncia giri di vite: “per l’intergrità del mercato occorre essere consci e in grado di monitorare le attività di grandi family office”. La Sec intanto si muove per creare nuovi requisiti e obblighi di presentare documentazione su attività e posizioni. La Commissione Servizi Finanziari della Camera non rimane indietro e ipotizza di richiedere filing confidenziali alle autorità.

Un settore, quello dei family office, che negli Usa continua a crescere a vista d’occhio: il 69% degli operatori è nato negli ultimi vent’anni, il 40% dal 2017. Ernst & Young ne ha censiti oltre diecimila e in media vantano 1,6 miliardi di asset. Il problema, conseguenziale alla loro ascesa, potrebbe però essere la mancanza di controllo.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banche, quanti danni il crak Archegos

Credit Suisse all’aumento. Finma indaga

Credit Suisse, maxirosso e scossone ai vertici

NEWSLETTER
Iscriviti
X