Citi, la scalata di Ida Liu

A
A
A
di Luigi Dell'Olio 9 Giugno 2021 | 06:28

Ida Liu, fin qui responsabile Nord America di Citi e prima ancora a capo del business asiatico, è la nuova global head del private banking. Ricopre l’incarico da inizio aprile, quando la banca americana ha aggiornato la prima linea manageriale promuovendo anche due italiani:  Giuliano Malacarne, passato dal ruolo di head of investment finance alla guida della unit global wealth banking and lending products; Luigi Pigorini, promosso da head of Emea alla guida di Cgw Emea, unit che comprende tutte le attività wealth, mantenendo anche le sue responsabilità nel private banking.

 

“Mio padre mi ha trasmesso sin dalla tenera età l’etica del lavoro. L’ho visto sempre lavorare sodo, senza mai mollare, incoraggiandomi a fare lo stesso. È stato un grande esempio”, ha dichiarato.

 

Le origini

Nata in California da genitori cinesi, si è laureata con lode in Psicologia e in Cultura cinese al Wellesley College (ateneo solo al femminile) del Massachusets.

 

Debutto nella finanza

Ha conseguito un Mba presso la Wharton School of Business, University of Pennsylvania, dopo di che ha iniziato a lavorare nella finanza presso BT Wolfensohn (ora Deutsche Bank).

 

Stress da gestire

Il secondo step professionale è stato presso Merrill Lynch nel ruolo di investment banker, con focus sull’asia. “Sono stati 6 anni molto intensi, ma lavoravo 20 ore al giorno e passavo da un areo all’altro”, ha spiegato.

 

Incursione nella moda

Liu ha deciso allora di passare al settore moda, sua grande passione giovanile, divenendo fashion executive di Vivienne Tam. Un ruolo in cui ha messo a frutto le sue doti manageriali.

 

La forza del network

È in Citi dal 2007, dove ha scalato rapidamente le posizioni grazie al piglio deciso e a uno straordinario network che ha costruito negli anni aderendo a numerose organizzazioni.

 

Volontariato

Oltre a organizzare iniziative di sostegno per le persone in difficoltà, svolge attività di volontariato su molteplici fronti, con una particolare sensibilità ai temi femminili.

 

Consigli alle donne

Alle collaboratrici consiglia sempre di non porsi limiti, di scegliere il giusto mentor e di studiare in modo indefesso, impegnandosi in modo tenace per emergere.

 

Motto personale

“Lavora duro, lavora in modo intelligente e lavora sempre con la massima integrità. Fai sempre ciò che è giusto e ciò che potrebbe servire al meglio i tuoi clienti”.

 

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X