Per il master di Aipb è l’ora dell’esperienza sul campo

A
A
A
di Private 5 Luglio 2021 | 06:22

Per gli allievi del master Aipb post-universitario in Private Banking & Wealth Management è il momento della prova sul campo.

I giovani studenti del corso di alta formazione destinato a giovani laureandi o neolaureati in corsi di laurea di economia e ingegneria gestionale, diretto da Silva Lepore,  dovranno ora dimostrare di aver acquisito le skills richieste, dall’industria del settore, ai private banker di domani e a una nuova generazione di professionisti del private banking e wealth management con competenze tecniche e relazionali che vanno dalla capacità di ascoltare e accompagnare i processi decisionali del cliente, di esprimere empatia anche attraverso i canali digitali, fantasia, flessibilità, curiosità e apertura all’innovazione.

Il corso – strutturato in 293 ore, per 11 settimane di lezioni online, con gli interventi di 158 relatori – infatti, vede ora l’avvio della seconda e ultima parte del percorso formativo: da oggi, tutti gli studenti inizieranno un periodo di stage retribuito, della durata di sei mesi, presso uno dei 26 istituti finanziari associati Aipb aderenti al progetto.

Durante lo stage, i partecipanti al naster verranno affiancati da tutor in ogni banca ospitante per assicurare loro il raggiungimento del miglior risultato nella loro esperienza lavorativa.

“Il progetto del Master post-universitario in Private Banking & Wealth Management nasce con un obiettivo di formazione professionale nel settore, finalizzata a un potenziale inserimento di nuove leve nell’Industria – ha spiegato Antonella Massari (nella foto), segretario generale di Aipb –.  Si tratta di un percorso creato per l’Industria insieme all’Industria, nella convinzione che alla forte specializzazione vadano sempre associate competenze trasversali e soft come la capacità di allenare la curiosità del nuovo e del diverso: un approccio quanto mai necessario per affrontare le sfide di cambiamento imposte dal futuro. Sono tanti gli operatori, distributori, produttori, persino studi professionali, che si sono resi disponibili a intraprendere questo cammino assieme all’Associazione per la creazione di una nuova classe di professionisti del futuro sempre più capaci di servire al meglio la clientela e, per questa via, far crescere la ricchezza del Paese”.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X