Il mercato m&a è dominato dal private equity

A
A
A
di Private 6 Agosto 2021 | 07:53

Il calo dei multipli conseguente alla crisi pandemica si sta rivelando un’opportunità straordinaria per chi ha denaro in cassa o può accedere ai finanziamenti senza difficoltà. E’ questa una delle ragioni alla base del vero e proprio boom che sta interessando il private equity europeo. Nei primi sei mesi del 2021, i fondi hanno annunciato 3.824 deal annunciati, un dato questo quasi uguale a quello di tutto il 2020, mentre a livello di valore, il totale delle operazioni si è attestato a 342,2 miliardi di euro, pari all’81,5% del totale dell’intero anno scorso.

Dati da recors, che emergono da uno studio di PitchBook, che ricorda come il 2020 – nonostante lo scoppio della pandemia di Coronarivus – abbia fatto registrare solo una lieve flessione nel confronto con il 2019.

Tornando alla prima metà di quest’anno, le operazioni chiuse sono state circa 1.800, per un valore di 169,6 miliardi. Da segnalare anche il gran numero di operazioni di delisting condotte dai fondi. Secondo PitchBook, nei primi sei mesi dell’anno hanno totalizzato 11,3 miliardi di euro di valore, mettendo le basi perché il 2021 si classifichi come l’anno con il maggior valore di deal di questo tipo nell’ultimo decennio.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Algebris punta sul private equity green

Private equity e venture capital: crescono raccolta e investimenti

Fondi, primo closing per il nuovo comparto di Edmond de Rothschild Private Equity

NEWSLETTER
Iscriviti
X