La prima piattaforma autorizzata Consob in blockchain

A
A
A
di Private 15 Settembre 2021 | 06:38

La società 2Meet2Biz.com è diventata il quarantacinquesimo dei 100 nodi validatori della blockchain. Abbiamo intervistato i fondatori Mario Basilico e Serena Auletta.

Come mai questa scelta di indirizzarsi verso la tecnologia blockchain?

Il desiderio di utilizzare la tecnologia blockchain in 2meet2biz nasce da un’esigenza precisa: applicare le potenzialità di una blockchain ai processi che caratterizzano normalmente le campagne di equity crowdfunding e che per tipologia sono sostanzialmente replicabili e procedurizzabili per tutte le aziende offerenti.

Ecco perché 2meet2biz ha intrapreso un cammino assolutamente innovativo: l’obiettivo è garantire ai propri clienti aziende, nonché a tutti gli investitori che aderiscono alle campagne, trasparenza, sicurezza e immutabilità di tutti processi legati alla raccolta di capitali. Questo dalla ricezione della documentazione iniziale fino alla conclusione della campagna, questo grazie a una tecnologia blockchain conforme, per altro, alle direttive eIDAS.

 

Quali sono i partner dell’iniziativa?

L’esigenza era di integrare la nostra offerta con tecnologie terze in modo da migliorare efficienza e sicurezza nelle transazioni economiche e finanziarie. Da qui la scelta di utilizzare la piattaforma open banking di Fabrick, che tramite Api, garantisce con sicurezza i flussi finanziari, automatizzando tutte le fasi di riconciliazioni bancarie e transazioni.

E non da ultimo utilizziamo un software per la conservazione alternativa legale dei documenti, così da garantire ai nostri clienti un processo zero carta.

 

 

A chi si rivolge la piattaforma, lato investitori e lato aziende?

Considerato che come fondatori e team proveniamo dal mondo dell’advisory e dell’m&a, la nostra intenzione è di approcciarci alle PMI e non solo alle startup e stiamo lavorando proprio per avvicinare le aziende al mondo del crowdfunding. Le Pmi devono superare le ritrosie verso la finanza complementare e il fintech, cosa che sta già succedendo con successo in molti settori come il lending.

Per quanto riguarda invece gli investitori, ci rivolgiamo in primis agli investitori qualificati, partendo proprio dal network di investitori che abbiamo costruito nel tempo, ma è nostra intenzione approcciare anche il mondo dei piccoli investitori. L’impegno comune a tutti gli operatori del settore deve essere quello di convogliare il risparmio verso l’economia reale affinchè tutti ne possano giovare.

 

Quali sono le prime campagne che vedremo sulla vostra piattaforma?

Le prime due campagne i cui processi sono transitati in blockchain sono Ciaobooking e Cocooners, le cui campagne sono proprio in partenza in questo priodo.

Ciaobooking è il primo Pms che offre strumenti di business intelligence, specificamente disegnati per ridurre la dipendenza da canali di vendita ad alte commissioni e sviluppare “strategie di vendita intelligenti” basate sull’analisi di dati. Il sistema consente la creazione di network di operatori, in grado di promuovere il proprio territorio, le proprie tradizioni, le esperienze, con la stessa efficacia delle grandi catene alberghiere.

Con Ciaobooking è possibile creare portali e market place per l’hospitality, con l’integrazione di più operatori e l’offerta multi prodotto più adatta al proprio territorio Ciaobooking, è un sistema cloud, verticalizzabile con app multifunzionali, integrabile via Api con ogni software di mercato, per la gestione remote multi asset, adatto per piccoli e grandi operatori.

 

Cocooners è una start up innovativa incubata presso I3P (Politecnico di Torino) e accelerata da Immediate Accelerator con Intesa SanPaolo Innovation Center e H-Farm. Si tratta della prima piattaforma digitale integrata dedicata agli over 60, un hub di esperienze, un epicentro di stimoli che offre contenuti, prodoti e servizi pensati e realizzati per i cosi detti active agers, che ad oggi rappresentano il 30% della popolazione italiana, detenendo il 70% della ricchezza nazionale.

Quello della silver economy è un settore in grandissima espansione e per questo molto interessante.

 

Come pensate di sviluppare ultiormente l’offerta nei prossimi mesi?

Innanzitutto andremo online con la piattaforma dedicata al debito.

Ma i nostri sforzi per i prossimi mesi saranno volti a guidare i processi delle campagne crowd attraverso la digital transformation, con lo sviluppo  e l’utilizzo di tecnologie Saas in grado di rendere anche il processo di investimento innovativo, sia per i preponenti che per gli investitori, massimizzando la value chain delle campagne presentate, dalla loro origine all’accesso al mercato di riferimento. Un nuovo approccio strategico internazionale, con un percorso applicabile prossimamente a tutti gli investitori, che vede coinvolti partner con piattaforme conformi agli standard richiesti dagli enti regolatori europei.

 

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X