Banche: Credit Suisse cambia il sistema di remunerazioni

A
A
A
di Gianluigi Raimondi 10 Novembre 2021 | 10:32

Il management di Credit Suisse ha deciso di modificare il sistema di remunerazioni, dopo gli scandali con i fondi Greensill e Archegos, costati miliardi. L’obiettivo è tenere maggiormente conto dei rischi, come riportato dal sito web della Rsi.

L’intenzione è quella di instaurare una remunerazione variabile per evitare che siano presi rischi eccessivi, hanno spiegato il presidente del Consiglio d’Amministrazione Antonio Horta-Osario e l’ad Thomas Gottstein in un’intervista alla NZZ am Sonntag. I dettagli della riforma dovrebbero essere presentati nel primo semestre 2022.

Credit Suisse vivrà in generale un riorientamento sostanziale, hanno sottolineato i due responsabili. La banca trasferirà tre miliardi di franchi di capitale dalla banca d’investimento alla gestione patrimoniale. Si prevede pure l’assunzione di 500 consulenti per la clientela entro il 2024.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Intesa, accordo con i sindacati su uscite e assunzioni

Banche, 10.000 nuove assunzioni entro il 2023

UniCredit, assunzioni di giovani e prepensionamenti in vista

NEWSLETTER
Iscriviti
X