Private capital, Aifi preme per incentivi agli istituzionali

A
A
A
di Private 24 Gennaio 2022 | 06:28

Il 2021 è stato l’anno del decollo per i private markets in Italia, ma per avvicinare la Penisola ai livelli degli altri grandi Paesi europei occorre attirare maggiori capitali dagli istituzionali. Così il consiglio direttivo Aifi , che si è riunito nel primo incontro dell’anno e ha analizzato la situazione economica attuale, ha avanzato una proposta. “AIFI ha chiesto l’introduzione di un credito d’imposta per fondi pensione, casse di previdenza e imprese assicurative, nonché per investitori privati che sottoscrivono fondi alternativi””, ha dichiarato il presidente dell’associazione Innocenzo Cipolletta (nella foto). “In questo modo si punta a utilizzare tale credito a favole del private capital, così da moltiplicare i capitali a disposizione degli operatori che li inietteranno nelle imprese italiane e nella loro crescita”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

M&A a gonfie vele

Decreto Pir: attività ampliate anche agli altri asset di private capital

Il private equity archivia un 2018 da record

NEWSLETTER
Iscriviti
X