Asset allocation: gli hedge fund possono ancora aggiungere valore?

A
A
A
di Redazione 12 Luglio 2022 | 14:01

Top Gun è nelle sale cinematografiche di tutto il Paese e Kate Bush sta scalando le classifiche, ma non è solo la cultura popolare a vivere un revival degli anni Ottanta. Lo scenario macroeconomico odierno rispecchia anche quello della fine degli anni Settanta e dell’inizio degli anni Ottanta. A seguito delle condizioni di mercato favorevoli degli ultimi trent’anni, potrebbe iniziare una fase alquanto incerta.

In questo scenario, ecco di seguito la view di Sushil Wadhwani, Portfolio Manager del fondo PGIM Wadhwani Keynes Systematic Absolute Return di Pgim.

L’inflazione è stata più elevata e persistente di quanto le banche centrali pensassero ed è stata aggravata dagli eventi geopolitici. È chiaro che le aspettative di inflazione si sono disancorate e che le banche centrali hanno di fronte una strada in salita per ripristinare il controllo. In tale contesto, le banche centrali devono procedere con un inasprimento aggressivo della politica monetaria e alcune di esse stanno mostrando l’intenzione di poter farlo in futuro. È passato parecchio tempo dall’ultima volta che le banche centrali sono rimaste così indietro rispetto alla curva e, a questo punto, è molto improbabile un soft landing: quindi, i rischi di una recessione sono davvero elevati.

Le banche centrali hanno poche opzioni politiche perché non possono permettere che le aspettative di inflazione si disancorino in modo permanente. Tale situazione è nettamente diversa dal panorama economico degli ultimi 30 anni, quando l’inflazione era persistentemente bassa. In pratica, ogni volta che le condizioni finanziarie si inasprivano e i mercati azionari crollavano, i banchieri centrali correvano in soccorso dei mercati.

Oggi ci troviamo di fronte a una situazione in cui i rendimenti obbligazionari salgono a causa dell’elevata inflazione e delle politiche monetarie restrittive delle banche centrali, mentre i mercati azionari sono minacciati sia dall’aumento dei tassi di interesse che dalla prospettiva di una recessione. Si tratta di una combinazione dannosa poco rassicurante, il che significa che il portafoglio 60/40 è notevolmente messo in discussione, proprio come accaduto negli anni Settanta.

In un contesto di incertezza simile, in cui le azioni e le obbligazioni sono sempre più correlate, la necessità di diversificare è concreta. Gli approcci portable alpha si adattano molto bene al difficile panorama degli investimenti odierni, grazie alle loro basse correlazioni con le azioni e le obbligazioni e grazie alla probabilità che producano un certo rendimento, che potrebbe essere superiore alla liquidità di circa il 4%. Il ruolo di diversificazione che questi approcci possono svolgere nei portafogli è quello di mitigare il rischio azionario. Ad esempio, la sostituzione di un’asset allocation azionaria passiva con i futures azionari libera liquidità che viene poi investita in una strategia di diversificazione. In questo modo si ottiene il rendimento dell’indice azionario più un piccolo alpha extra e, soprattutto, si attenua il rischio azionario. Ciò consente agli investitori di “assicurarsi, ma di farlo senza che ciò comporti un costo effettivo”. La giusta strategia hedge fund può far parte di una soluzione portable alpha.

In base alle esperienze passate, i comitati deputati alla decisione dei tassi d’interesse delle banche centrali tendono a dimostrarsi inerti di fronte a cambiamenti di regime. Allo stesso modo, gli investitori dimostrano inerzia perché è difficile capire se si sia effettivamente verificato un cambiamento di regime. Questo è il contesto perfetto per una strategia hedge fund come il trend following. Il trend following dà il meglio di sé quando sfrutta l’inerzia. E se il trend following funziona bene, altrettanto faranno anche le strategie systematic macro e discretionary macro, che sono parenti strette del trend following.

La probabilità di una recessione negli Stati Uniti e nel Regno Unito nei prossimi due anni è nettamente superiore alla media e rappresenta una discontinuità significativa nello scenario economico. I trend follower sono molto abili nello sfruttare queste falle. La combinazione di cambio di regime e rischio di recessione dovrebbe rendere interessanti strategie come il trend following, la systematic macro e la discretionary macro.

La più grande minaccia al trend-following sarebbe un netto miglioramento del contesto macro. Se i vincoli dell’offerta si allentano, l’inflazione inizia improvvisamente a diminuire e i mercati si stabilizzano. Le posizioni trend following che hanno prosperato quest’anno potrebbero improvvisamente invertirsi. A quel punto, la sfida sarà discernere se quella a cui stiamo assistendo oggi è una correzione del mercato toro o un cambiamento secolare. Questo scenario è vantaggioso per coloro che combinano il trend-following con altri stili d’investimento all’interno di un singolo fondo. Anche nelle soluzioni portable alpha, la diversificazione può essere utile.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti