Banche: Credit Suisse chiude 14 filiali in Svizzera

A
A
A
di Redazione 9 Novembre 2022 | 09:15

Credit Suisse chiuderà entro la fine di febbraio 14 delle sue 109 filiali in Svizzera. Altre due saranno trasformate in sedi di consulenza. Lo ha indicato, come riportato dal sito web della Rsi, un portavoce della banca all’agenzia finanziaria Awp, confermando quanto pubblicato dal portale Finews. Non sono state indicate le località toccate. L’istituto garantisce però che resterà presente in tutte le regioni del Paese.

“Questa decisione è dovuta principalmente alle mutate abitudini dei nostri clienti, che utilizzano sempre più spesso i nostri servizi mobili e internet”, ha dichiarato un portavoce del Credit Suisse all’AWP.

I dipendenti interessati dalle chiusure saranno aiutati a trovare “nuove opportunità all’interno del Credit Suisse”. È disponibile anche un piano sociale.

Due settimane fa la seconda banca elvetica aveva annunciato una perdita trimestrale di quattro miliardi di franchi e la cancellazione di 9mila impieghi entro il 2025, di cui 2.700 prima della fine di quest’anno. Nella 2mila posti di lavoro, di cui 500 già nel 2022. Con queste operazioni Credit Suisse intende ridurre i propri costi del 15%, ovvero di 2,5 miliardi di franchi, al fine di ridurre i costi operativi a circa 14,5 miliardi di franchi sempre entro il 2025.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti