Nel private banking decolla la consulenza evoluta

La prima crescita del risparmio amministrato (soprattutto titoli obbligazionari) dopo 15 anni. È uno dei risultati emersi nel corso della conferenza stampa da Aipb, in vista del forum annuale che l’associazione terrà domani.

“I cambiamenti in atto risentono dello scenario di mercato e anche dei cambiamenti sociali in atto e delle urgenze geopolitiche”, ha spiegato il presidente Andrea Ragaini. Il quale ha sottolineato come in cima alle preoccupazioni della clientela private oggi vi sia il tema della salute.

Sulla spinta degli ottimi risultati di raccolta (+5,3%) il settore registra una crescita dell’8,2% rispetto al 2022 raggiungendo, a fine 2023, 1.076 miliardi di euro di asset in gestione.

Nei prossimi anni il settore prevede ingenti passaggi di ricchezza verso le generazioni più giovani: Aipb stima 180 miliardi di euro entro 5 anni e 300 miliardi di euro entro il 2033. Già quest’anno sono passati di mano 22 miliardi.

A fronte di un continuo allungamento della speranza di vita (84 anni), i clienti private dichiarano di percepirsi anziani a 76 anni e pensano di rimanere professionalmente attivi fino ai 69. Un’evidenza che ha un impatto significativo sui bisogni di protezione e di pianificazione finanziaria. Da qui la scelta dell’associazione di dedicare ai temi delle diverse generazioni il forum 2023 di Aipb, con uno sguardo anche al lato dell’offerta.  L’aumento dell’età media dei private banker (dai 46 anni del 2012 ai 53 del 2023) rende prioritario l’inserimento dei giovani nel settore senza disperdere il patrimonio di competenze dei professionisti più esperti. In poco più di dieci anni i banker over60 sono passati dal 2% al 14%.

Quanto alle prospettive, ha aggiunto Ragaini, il private banking dovrà realizzare un’agenda che gli consenta di affrontare le tre grandi sfide del prossimo futuro: attrarre la prossima generazione di clienti Private; ampliare il concetto di protezione, oltre quella finanziaria e cogliere le nuove opportunità derivanti dai processi di innovazione.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nella tua Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!