Articoli con tag : obbligazionario Usa

Obbligazioni high yield Usa a un nuovo minimo storico

di Stefano Fossati

Le società con rating high yield continuano ad affrontare sfide importanti dati i ricavi modesti e l’elevato indebitamento. Tuttavia, sembra che lo stato di salute delle imprese abbia raggiunto il punto di svolta: il ciclo creditizio sta passando alla fase di ripresa, i declassamenti da inves ...

continua

Usa, il mercato obbligazionario rimane assopito

di Stefano Fossati

“La prima settimana del 2021 ha suscitato emozioni sul fronte obbligazionario. L’accordo di fine anno al congresso Usa su un programma di stimolo fiscale di 900 miliardi di dollari, in combinazione con la piccola sorpresa sui risultati della Georgia, ha fatto salire i tassi a lungo termi ...

continua

Obiettivo inflazione: l’analisi di Gam Sgr sull’obbligazionario governativo Usa

di Stefano Fossati

“La correzione delle obbligazioni inflation linked legata alla pandemia Covid-19 ha per certi versi ricalcato quanto successo nel 2008. La forte contrazione della domanda dovuta al lockdown e il crollo del prezzo delle materie prime hanno innescato il sell-off dei governativi indicizzati sui t ...

continua

Obbligazionario Usa, Tips sotto i riflettori dopo la pandemia

di Stefano Fossati

“Il mese di agosto non ha agitato i mercati finanziari, come spesso accadeva negli anni pre-Covid. Al contrario, è stata confermata la costante reflazione visibile a livello globale già da aprile. La risposta della politica monetaria e fiscale globale continua a sostenere gli attivi rischios ...

continua

Usa vs. Europa, le due velocità dell’high yield

di Stefano Fossati

A cura di Andrey Kuznetsov, Senior Portfolio Manager per la divisione internazionale di Federated Hermes Il credito trae vantaggio dal posizionamento “senior” che riveste all’interno della struttura del capitale delle società, dalla certezza del pagamento propria delle cedole e dalla capa ...

continua

BlueBay: high yield soluzione affidabile anche in tempi di crisi, ecco perché

di Stefano Fossati

“Nel primo trimestre del 2020 i mercati high yield globali hanno registrato una contrazione del 13,6%, mentre ci si sta rendendo conto delle proporzioni, della diffusione e dell’impatto potenziale del coronavirus. In questo periodo non vi sono state molte aree in cui rifugiarsi, dato che tut ...

continua
NEWSLETTER
Iscriviti
X