iShares studia un Etf per il mondo cattolico

A
A
A

Gli Etf sono un mercato in crescita: iShares iShares tre settimane fa ha lanciato un Etf sui roboadvisor che ha già raccolto 500 milioni di dollari in tre mesi e, a oggi, ha reso il 24%.

Francesca Vercesi di Francesca Vercesi24 maggio 2017 | 10:47

NUOVI STRUMENTI – Gli Etf stanno ridisegnando portafogli e mercati finanziari. Un dato su tutti: i flussi degli Etf e Etp globali sono passati dai 79 miliardi del 2000 a quasi 4000 miliardi ad aprile 2017 ,dove a fare la parte del leone è l’azionario. Solo nel mese di aprile di quest’anno i flussi sono stati pari a 40,1 miliardi di dollari e da inizio anno si parla di 228,6 miliardi. In particolare sono confluiti sull’azionario Europa, spinti apparentemente dai risultati del primo turno di elezioni in Francia e a risultati societari superiori al consensus. Gli investitori europei hanno invece venduto l’azionario statunitense. Le esposizioni azionarie Usa hanno registrato una raccolta di 170 miliardi di dollari in sei mesi, dal giorno delle elezioni americane. I fondi azionari Usa domiciliati in Europa, nel mese di aprile, hanno registrato i maggiori deflussi tra la gamma di fondi europei, con fuoriuscite pari a 1,6 miliardi di dollari. Ad aprile, con flussi pari a 1,1 miliardi di dollari, il debito dei mercati emergenti si è distinto come asset class obbligazionaria favorita, posizione mantenuta ogni mese, da inizio anno. Proseguono invece i deflussi sulla parte dei bond investment grade europei.

I VANTAGGI DEI FONDI PASSIVI – “L’industria dei fondi passivi sta ridisegnando le scelte di investimento: sul lungo termine si comportano meglio dei fondi attivi e costano meno”, afferma senza esitazione Michael Gruener, co head of sales in Europe di iShares in una conferenza stampa a porte chiuse durante la tappa milanese del Roadshow promosso da iShares e Morningstar ‘Rethink passive: experience the future’, ovvero cercare  e scambiarsi idee su quali potrebbero essere le nuove prospettive dell’industria trainate dall’utilizzo degli Etf tra Megatrend e Mifid 2. Continua: “La crescita è fortissima. A livello globale si parla oggi, tra Etf e fondi indice passivi di quasi 7 trilioni di dollari di masse coinvolte. Potrei individuare 4 trend che si faranno avanti nei prossimi mesi e che ci fanno dire che questo mercato continuerà a beneficiare di flussi in entrata, anche e soprattutto da parte di clienti istituzionali”. Ecco quali sono. “Il primo è il contesto di bassi ritorni che sta mettendo pressione all’intera industria tanto che dai fondi azionari i flussi in uscita non si fermano. Un’altra fonte di pressione molto significativa è l’impianto regolamentare, ovvero la Mifid 2. Poi c’è la tecnologia che costringe a ridurre i costi e che sta rendendo molto più accessibile l’offerta. Per questo bisogna distinguersi e offrire servizi affidabili e riconoscibili, soprattutto per la clientela retail che, altrimenti, si sposterà sul fai da te. Basti pensare che, secondo previsioni da qui al 2026, si dice che l’industria del roboadvisor (che oggi praticamente non esiste) avrà una dimensione pari a 6 trilioni di dollari. E questo cambierà l’industria del tutto”, commenta Gruener. E aggiunge: “Quarto e ultimo punto è che in alcuni mercati europei (non in tutti) la consulenza avverrà sarà solo fee based, ovvero basata solo sulle commissioni per il consulente. I prodotti passivi aumenteranno ancora. Un altro numero molto forte è il seguente: nel 2016 in Svizzera si sono convertiti in consulenza a parcella ben 250 miliardi di euro. Lo stesso sarà per il 2017 per un ammontare di 500 miliardi”.

NOVITA’ IN VISTA – Per capire la dimensione, consideriamo che l’industria dell’asset management italiana vale 2 trilioni: è dunque come se ¼ della nostra industria si trasferisse nella consulenza. Dichiara ancora l’esperto: “La clientela istituzionale, come i fondi pensione, sono sotto pressione a causa dell’invecchiamento della popolazione. Molti di questi continuano a puntare sull’obbligazionario, ma sempre di più sui fondi passivi. E stanno investendo nei team di gestione del rischio e su nuovi piani contributivi, ancora tutti da definire. Ed ecco che, infatti, anche il mercato dei bond etf è cresciuto molto: da 48 a 140 miliardi di euro in 6 anni (+20%). Di questo ammontare, noi ne gestiamo due terzi”. E sul fronte Mifid 2? “Per arrivarci preparati stiamo facendo due cose: ridurremo i costi e lanceremo nuovi prodotti e nuove strategie”, conclude. iShares tre settimane fa ha lanciato un Etf sui roboadvisor che ha già raccolto 500 milioni di dollari in tre mesi e, a oggi, ha reso il 24%. E nel futuro potrebbe prendere in considerazione di lanciare un prodotto vicino al mondo cattolico, considerando anche gli ottimi rapporti che ha con il Vaticano. Del resto, la società è abituata a muoversi nell’universo dei fondi etici: già a fine 2007 aveva lanciato tre etf Shariah compliant, fondi che selezionano società che rispondono ai dettami della Shariah, cioè che non investono in alcol, armi, determinati prodotti alimentari e pornografia.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

BlackRock: utili in crescita, boom per gli asset

iShares, ecco l’Etf a misura di Pir

Etf, la corsa continua anche nel secondo trimestre

Megatrend e Mifid 2, si chiude a Bari il tour di iShares

Classifiche Bluerating: iShares/BlackRock in testa tra i fondi azionari tematici – investimenti sostenibili (Europa)

Classifiche Bluerating: iShares/BlackRock in testa tra i fondi a azionari Europa Orientale

BlackRock, 219 fondi che perdono

Olson (iShares): “Futuro roseo per gli etf obbligazionari”

Vanguard, una poltrona per due

Il Premio dei Premi per l’innovazione assegnato a Invest Banca e Widiba

iShares, Arca e Bper lanciano la polizza per la clientela private

Marchioni (iShares): “Scenari positivi per l’oro”

Etf Asset Allocation Awards, ecco i vincitori

Fondi a basso costo, Bellingeri: “Parlare di minaccia è anacronistico”

Classifiche Bluerating: iShares primo sugli Azionari immobiliare Europa

Marchioni (iShares): “Gli etf sono adatti alle strategie post-Brexit”

iShares, al via collaborazione con Cassa di Risparmio di Cento

Il nuovo etf iShares fa paura

Benvenuti nell’era dello Smart Investing

iShares rinnova la convenzione Commissioni Zero con Poste Italiane

Saxo Bank e iShares puntano sugli investimenti digitali

iShares, flussi per 130 miliardi di dollari nel 2015

iShares, accordi strategici con banche e reti

Classifiche BLUERATING: ecco i migliori fondi che investono nel Regno Unito

Classifiche BLUERATING, Janus e iShares al top tra i fondi azionari sul settore immobiliare

Risalgono le quotazioni di iShares Global Clean Energy

iShares, un 2012 record per gli exchange traded product

Etf, essere passivi è una scelta

Koesterich (iShares), ecco perché investire sui Paesi “CASSH”

Otto mesi di crescita

Una crescita sana e continua

Sfatiamo i miti

Etf, iShares si rafforza sull’Euro Stoxx

Ti può anche interessare

Jp Morgan Am entra nel business degli Etf

Annunciato a Londra il lancio di due prodotti legati a strategie liquid alternative. Saranno dispon ...

Societe Generale: dal 10 luglio raggruppamento dei certificati a leva fissa +/- 7x sul Ftse Mib con l’attribuzione di nuovi Isin

SocGen riorganizza l’offerta di alcuni certificates legati all’indice della borsa di Milano. Ecc ...

Deutsche Bank quota 52 certificati sul Sedex

Si tratta di quarantacinque Bonus Cap Certificates sugli indici Eurostoxx 50, FTSE MIB e DAX e su az ...