I fondi più convenienti del mercato – Bilanciati

A
A
A

Prosegue il viaggio nei prodotti italiani che presentano i Ter più vantaggiosi. Oggi vediamo la categoria bilanciati.

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti31 marzo 2011 | 13:00

Il TER è un indicatore che esprime il rapporto tra il totale degli oneri posti a carico del Fondo e il patrimonio medio del fondo stesso.
 
TER è l’acronimo di Total Expense Ratio. L’indicazione del TER è obbligatoria per i fondi comuni di diritto italiano, che devono inserirla nel prospetto informativo.

Essendo un’informazione che viene determinata a posteriori, ogni anno nella parte 2 del prospetto, le società di gestione riportano il TER riferito all’anno precedente.
 
ESEMPIO

Nel calcolo del TER rientrano diverse voci di spesa:

commissione di gestione,
costi di amministrazione,
commissioni legate agli obblighi dei depositari,
remunerazione dei revisori contabili,
pagamenti ai rappresentanti legali,
pagamenti ai prestatori di servizi agli azionisti,
imposte di registro,
costi di distribuzione imputati al fondo.

Ecco i risultati della nostra analisi, possibile grazie al prezioso supporto dell’ufficio studi FIDA, nella categoria Assogestioni bilanciati :

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Risparmio gestito, a maggio ruggisce il Leone

In testa alla classifica della raccolta netta nel mese c’è il gruppo Generali con 3.120,8 milioni ...

Classifiche Bluerating: Nordea in testa tra i fondi azionari India

Secondo le analisi di Bluerating basate su fondi della categoria azionari India, il primo per perfor ...

Classifiche Bluerating: Bnp Paribas Ip in testa tra i fondi azionari settoriali- telecomunicazioni

Secondo le analisi di Bluerating basate su fondi della categoria azionari settoriali - telecomunicaz ...