Invesco: fuggi fuggi dal Regno Unito

A
A
A

I fondi sovrani amano gli investimenti immobiliari, mentre sono preoccupati per l’impatto della Brexit e delle elezioni americane, rivela Invesco nel suo quinto Invesco Global Sovereign Asset Management Study.

Chiara Merico di Chiara Merico6 giugno 2017 | 14:01

IL RAPPORTO – I fondi sovrani amano gli investimenti immobiliari, mentre sono preoccupati per l’impatto della Brexit e delle elezioni americane. Lo rivela Invesco nel suo quinto Invesco Global Sovereign Asset Management Study, un report annuale sul complesso comportamento d’investimento di fondi sovrani e banche centrali, che quest’anno evidenzia come l’incertezza geopolitica e le limitate opzioni per l’aumento delle allocazioni in investimenti rischiosi (risk asset allocation) stiano inducendo gli investitori sovrani di tutto il mondo ad apportare meno modifiche alle allocazioni rispetto a quelle apportate negli ultimi cinque anni, nonostante il crescente incremento dei divari in termini di obiettivi di rendimenti. Secondo lo studio, i tassi bassi sono il miglior fattore tattico per l’allocazione di portafoglio degli investitori sovrani, e qesta percezione porta ad un incremento di investimenti in immobili. Tuttavia, le implicazioni a lungo termine sono meno attendibili con le aspettative di un graduale ritorno ad una politica monetaria menoaccomodante. L’impatto della Brexit e delle elezioni americane dovrebbe invece costituire uno dei maggiori fattori di influenza sulle decisioni di asset allocation (ci sia attende una crescita di importanza rispettivamente del +82% e +68%), in quanto le implicazioni dei cambiamenti politici sulle performance degli investimenti diventeranno più chiare.

USA ATTRATTIVI – Gli investitori sovrani hanno classificato gli Stati Uniti come il primo mercato in termini di attrattività negli ultimi tre anni e quest’anno il paese conserva la prima posizione con un punteggio di 8,0 (su 10). Gli Stati Uniti hanno vinto anche in termini di allocazioni effettive: il 37% degli intervistati ha infatti risposto di aver sovrappesato i nuovi afflussi al Nord America nel 2016 in rapporto al proprio portafoglio – in misura superiore a qualunque altra regione – e un 40% netto prevede di mantenere il sovrappeso anche nel 2017. A fronte di ciò, solo il 4% ha sottopesato i nuovi flussi nel 2016 e il 4% prevede di fare lo stesso nel 2017, mentre la percentuale restante (59% nel 2016 e 56% nel 2017) non ha modificato o non prevede di modificare le ponderazioni. Questa attrattività è in gran parte alimentata dagli aumenti dei tassi d’interesse e dalla fiducia del mercato in un regime di imposte societarie “favorevole all’economia” a seguito dell’avvento di Trump a gennaio 2017. La fiducia a lungo termine è tuttavia ancora limitata dall’incertezza sull’eventualità che Trump mantenga le promesse elettorali e le prospettive positive per i potenziali investimenti in infrastrutture negli USA sono gravate dai timori che il crescente protezionismo limitil’accesso ai fondi sovrani esteri.
IL REGNO UNITO PERDE ATTRATTIVITA’ – L’attrattività del Regno Unito per gli investitori esteri ha subito il calo maggiore, scendendo al 5,5 rispetto al 7,5 dello scorso anno. La Brexit è ritenuta un significativo fattore negativo per gli investimenti nel Regno Unito. I fondi sovrani d’investimento con interessi europei hanno messo in discussione il futuro del paese come “hub d’investimento” per l’Europa, data l’incertezza in materia di imposte sulle importazioni e accesso al mercato. Sebbene la maggioranza degli investitori sovrani preveda di non modificare le posizioni nel Regno Unito, un numero significativo ha assunto un maggiore sottopeso nella regione o prevede di assumerlo. Il 33% ha risposto di aver sottopesato i nuovi afflussi al Regno Unito nel 2016 (in misura superiore a qualunque altra regione) rispetto a un 13% che ha comunicato di aver assunto nuovi sovrappesi nel paese, mentre la percentuale restante (54%) non ha indicato alcun cambiamento. Nel 2017, gli intervistati che prevedono di adottare nuovi sottopesi sono saliti al41%, ma soltanto il 5% prevede di assumere nuovi sovrappesi nel Regno Unito, mentre il 54% non ha in programma modifiche. Se si tiene conto del calo della sterlina, le allocazioni al Regno Unito rimangono comunque relativamente stabili e i cali delle allocazioni attestati al 15% sono verosimilmente legati al corrispondente deprezzamento del 16% della GBP rispetto all’USD, anziché a recessi. Il calo di valore della sterlina ha inoltre determinato un rialzo dei titoli britannici. Alex Millar, responsabile Emea Sovereigns, Institutional Sales di Medio Oriente ed Africa di Invesco, ha affermato: “Nonostante l’apparente sentiment negativo gravante sul Regno Unito, molti fondi sovrani hanno confermato l’impegno a lungo termine sul versante degli investimenti britannici post-Brexit, soprattutto immobiliari e in infrastrutture. Sono improbabili cambiamenti fino a quando la prospettiva per il Regno Unito come destinazione preferita per gli investimenti diventi più chiara”.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Invesco, acquisizione miliardaria tra gli etf

Greenwood (Invesco): “Prevedo ancora bassa crescita e bassa inflazione in Europa”

Invesco: Forza Eurozona!

Invesco completa l’acquisizione di Source

Invesco Real Estate prende un immobile in centro a Milano

Classifiche Bluerating: Invesco in testa tra i fondi Diversificati Euro Prudenti

Successo alla partenza del roadshow di Invesco “India Calling”

Blueindex: testa a testa tra BlackRock e Invesco

Invesco e Janus Capital brillano sul Blueindex, male Deutsche Bank e Unicredit

Invesco acquisisce Source

Invesco: l’investimento più importante è il futuro dei clienti

D’Acunti (Invesco): “Con Global Income il giusto equilibrio tra equity e bond”

D’Acunti (Invesco): “Quality Income, un percorso d’investimento chiaro”

D’Acunti (Invesco): “Diversificare per controllare il rischio e generare rendimenti”

D’Acunti (Invesco): “Con i tassi a zero puntare su asset class insolite”

D’Acunti (Invesco): “Il risparmiatore italiano ha bisogno di affidarsi a un esperto”

Invesco: gli italiani preferiscono soluzioni di investimento sicure

Invesco: “La Fed non ha deluso le aspettative”

ConsulenTia 2017/D’Acunti (Invesco): “Con la Mifid 2 deve aumentare la qualità della consulenza”

Greenwood (Invesco): “In vista nuovi aumenti per la Fed”

Classifiche Bluerating: Seb Am in testa tra i fondi azionari Europa Orientale

Invesco rafforza il fixed income con Isaac

Invesco: la ripresa segue percorsi diversi nei Paesi emergenti e in quelli sviluppati

Invesco, cresce la domanda di strategie fattoriali

Invesco: presidenziali Usa, concentriamoci su ciò che sappiamo

Classifiche Bluerating: Invesco in testa tra i fondi azionari India

Invesco PowerShares quota un Etf sulle fallen angels

Invesco, Tobagi investment director per l’Italia

Invesco: la Cina ancora in affanno penalizza l’Asia orientale

Invesco, crescita debole per la zona euro nel 2016

Invesco, il contesto non scalfisce la fiducia dei fondi sovrani

Invesco rafforza l’area sales con Luca Cerone

Read (Invesco): “La Brexit sarebbe un problema anche al di là della Manica”

Ti può anche interessare

Il fondo Schroder ISF Italian Equity diventa Pir compliant

La filosofia di gestione, già da tempo in linea con i criteri Pir, rimane sostanzialmente invariata ...

Gam: dopo la sfilata delle trimestrali il lusso va ancora di moda

La maggioranza dei numeri ha superato le aspettative del mercato, mentre alcuni amministratori hanno ...

La Financière de l’Echiquier, de Berranger nuovo cio

Il manager succede a Marc Craquelin e riporterà direttamente a Didier Le Menestrel, entrando a far ...