Schroders: strategie income attive per navigare il 2016

A
A
A

Secondo Aymeric Forest, Head of Multi-Asset Investments Europe, molte fonti di income stanno offrendo di nuovo rendimenti attraenti.

di Redazione30 novembre 2015 | 13:40

Il 2015 è stato un anno difficile per i prezzi degli asset; tuttavia, a seguito dell’allargamento degli spread del credito, degli ampi oscillamenti dei rendimenti dei titoli di stato e del recente sell-off sull’azionario, molte fonti di income stanno offrendo di nuovo rendimenti attraenti.

NORMALIZZAZIONE DEI TASSI – La domanda di income (flusso di reddito costante) rimane globale e strutturale, guidata dai bassi tassi d’interesse e da una popolazione mondiale sempre più longeva. “Nonostante questa domanda persista, per le strategie income il contesto appare difficile”, spiega Aymeric Forest, Head of Multi-Asset Investments Europe di Schroders. “Innanzitutto, l’apprezzamento del dollaro sta avendo un impatto sulla liquidità e su alcuni asset sensibili ai tassi d’interesse. Secondo, la normalizzazione dei tassi reali è avvenuta via via che le prospettive sull’inflazione sono calate sia negli Stati Uniti sia in Europa. I rendimenti reali sono i tassi di sconto dei prezzi degli asset finanziari. Se aumentano, la crescita deve essere abbastanza forte da controbilanciare questo effetto negativo. Cosa dovremmo aspettarci da qui in avanti? Gli investitori dovranno adattarsi a un contesto in rapido cambiamento, mentre le valutazioni potrebbero non essere una garanzia sufficiente per una strategia d’investimento di successo”.  

MEGLIO EUROPA E GIAPPONE – “I cicli economici globali, tra le varie regioni, sono divergenti e ci si attende che continueranno a esserlo anche nel 2016. Le divergenze recenti sono state principalmente guidate dai tassi di cambio e dalla guidance delle Banche centrali. Perciò, preferiamo le asset class regionali in Europa e in Giappone, supportate da politiche monetarie accomodanti. L’Europa sta ora registrando un’accelerazione grazie all’indebolimento dell’euro. Guardando altrove, ci sono segnali di rallentamento nel settore manifatturiero statunitense, mentre le economie Emergenti rimangono sotto lo stress di un forte dollaro e di una decelerazione della crescita cinese. Sebbene si preveda che la Federal Reserve alzi i tassi di interesse, a prescindere dalla tempistica del primo rialzo questo ciclo è particolare: la Fed potrebbe avere poco spazio di manovra per il futuro e cambiare linea d’azione nel caso in cui dovessero crescere gli squilibri. Tipicamente, politiche monetarie più restrittive tendono a generare aspettative sui rendimenti più basse e questo richiede agli investitori non solo di focalizzarsi sulle strategie total return, ma anche su quelle che sono gestite dinamicamente.

DOVE INVESTIRE – “Per tale ragione, ci aspettiamo che la volatilità si normalizzerà a livelli più alti. I prezzi degli asset dipenderanno maggiormente dalla concretizzazione della crescita per fornire rendimenti in futuro, mentre valutazioni di lungo termine costose potrebbero bloccare l’aumento dei prezzi sull’azionario. In tale contesto, i titoli ad alto dividendo potrebbero offrire alcune caratteristiche di difesa con un flusso di cassa più solido e regolare. Questi hanno sottoperformato per più di due anni rispetto all’universo dell’azionario globale standard e ora offrono un punto di ingresso allettante. Stiamo trovando del valore anche nelle obbligazioni High Yield, sebbene conti la selezione dei titoli; è la nostra asset class preferita nell’ambito del reddito fisso, dato il rendimento attraente e l’alto tasso di default implicito. Per quel che concerne gli asset dei mercati Emergenti, nonostante le valutazioni interessanti rimaniamo cauti a causa del dollaro forte e del contesto di bassa crescita”.

I FATTORI CHIAVE 2016 – “In conclusione, le Banche centrali e i tassi reali rimarranno dei fattori chiave nel 2016. Il primo rialzo dei tassi da parte della Fed nei prossimi mesi non sarà probabilmente seguito da un ciclo aggressivo di stretta monetaria, a causa della debole crescita cinese e dell’impatto che un apprezzamento del dollaro avrà sulle esportazioni statunitensi. I titoli di stato, verosimilmente, non andranno fuori controllo, ma probabilmente non offriranno ritorni attraenti. Ciò potrebbe essere di beneficio per le strategie income a gestione attiva”, conclude l’esperto

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fondi, i migliori del mese scorso

Schroders mette i mercati emergenti sotto i riflettori

Fondi, il grande ritorno di Trabattoni

Schroders prende Prideaux da BlackRock

Schroders: parola d’ordine sostenibilità

Schroders: ecco la “Goldilocks economy”, la ripresa c’è ma senza slancio

Campionato 2017, Schroders prepara il girone di ritorno

Schroders, volano utili e patrimonio

Tenani (Schroders): “Pir? Nessuna bolla, multipli interessanti”

Il fondo Schroder ISF Italian Equity diventa Pir compliant

Schroders punta sui paperoni americani

Schroders, il brand prende vita

BLUERATING in edicola: Il brand prende vita

Schroders prende Imhof da Ubs Wm

Schroders fa shopping nel private equity

Schroders prende Adveq

SdR 17, Tenani (Schroders): “In arrivo i nostri Pir”

Schroders: Uk, inflazione più alta delle attese, ma per ora la BoE resterà ferma

Schroders: Olanda al voto, cosa accadrà in Europa?

Blueindex: Raiffeisen continua a piacere agli analisti di Societe Generale

Schroders, crescono le masse e gli utili

Schroders rafforza il Multi asset con Paine

ConsulenTia 17/Barindelli (Schroders): “Le opportunità dei prodotti alternativi”

Marsi (Schroders Italy Sim): “Ecco dove puntare nei prossimi mesi”

Schroders: Brasile, la Banca centrale taglia i tassi più del previsto

Schroders rafforza il Wm con Murgiano

Consulenti, Schroders girerà l’Italia con il Campionato 2017

Schroders: i risparmiatori italiani amano le strategie Esg

Schroders: azionario Giappone, 2017 positivo ma resta l’incognita Trump

Lynch (Schroders): “Opportunità tra le small cap italiane”

Zangana (Schroders): “Il referendum italiano può turbare i mercati”

Schroders investe in Benchmark Capital

Schroders, aum a 375 miliardi di sterline nei primi nove mesi

Ti può anche interessare

Ubi Pramerica lancia un fondo obbligazionario a gestione attiva

UBI Pramerica Cedola Certa 2023 consente di ricercare le migliori opportunità d’investimento su t ...

BlackRock, il fondo immobiliare rastrella 700 milioni

Si chiude la raccolta di Europe Property Fund IV, promosso dal colosso statunitense ...

Lombard Odier lancia la partnership con Affirmative Investment Management

L’obiettivo delle due società è ampliare le proprie competenze e soluzioni di investimenti sulle ...