Carmignac: cosa significa gestire il rischio

A
A
A

La recente correzione dei mercati a seguito del referendum britannico sulla ‘Brexit’ ha appena illustrato in maniera eclatante il pericolo insito nelle scommesse binarie, spiega Didier Saint-Georges.

Chiara Merico di Chiara Merico25 luglio 2016 | 10:05

GESTIRE IL RISCHIO – “Gli investitori sono notoriamente a disagio quando è necessario gestire il rischio che, l’approssimarsi di una scadenza politica, fa correre ai loro risparmi. La recente correzione dei mercati a seguito del referendum britannico sulla famosa ‘Brexit’ ha appena illustrato in maniera eclatante il pericolo insito nelle scommesse binarie, soprattutto quando non è in gioco alcun valore aggiunto. Poiché il rischio Brexit era stato quasi del tutto escluso dagli ultimi sondaggi, moltissimi investitori si sono lasciati convincere da questa presumibile certezza”, spiega Didier Saint-Georges, membro del comitato investimenti e managing director di Carmignac.

UNA VALUTAZIONE SOGGETTIVA – “Così facendo hanno violato in un colpo solo due regole fondamentali della gestione dei rischi:
1) mantenere sempre la facoltà di pensare liberamente e avere il coraggio di contraddire le opinioni prevalenti, sopratutto se unanimi.
2) Guardarsi dai rischi nettamente asimmetrici. Il rischio associato al referendum lo era in modo evidente: mentre il voto a favore del Remain  avrebbe costituito quasi un non evento, la maggioranza a sorpresa a favore del Leave avrebbe inevitabilmente avuto un forte impatto negativo sui mercati, come è avvenuto. Questa vicenda ci permette anche di ricordare che la gestione dei rischi non si ferma qui. Ora che i mercati sono rimasti scottati dalla breve esuberanza speculativa, dovremo includere questo nuovo elemento in un’analisi obiettiva dei rischi e chiederci se in questo caso i mercati non siano stati esageratamente accecati dalla paura. Gestire i rischi, infatti, significa anche avere il coraggio di assumerli, anche al costo di essere sempre in anticipo e di sbagliare, a volte. La gestione dei rischi, prima di essere una competenza tecnica, è innanzitutto una valutazione soggettiva e una questione di carattere. Per dirlo con una metafora, la competenza consiste nel sapere che il pomodoro è un frutto della famiglia delle Solanacee, la saggezza consiste nel non metterlo nella macedonia”, conclude Saint-Georges.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

ITForum Milano / Carmignac: momento unico di confronto

Carmignac, a Roma e Milano è giunta l’ora degli Investment Seminar

Carmignac a Roma e Milano per parlare di scelte d’investimento

Crowl (Carmignac): “Giustificata l’euforia sui mercati”

Carmignac: dove trovare valore nel mercato obbligazionario

Carmignac: azionario, continua la crescita moderata

Carmignac: sui mercati regna un ottimismo razionale

Carmignac: i tecnologici sono ancora interessanti

Carmignac: niente rischi di bolla nel settore tech

Carmignac: quanto pesa il populismo

Carmignac: per i mercati inizia un cammino difficile

Classifiche Bluerating: Carmignac in testa tra i fondi Obbligazionari Area Euro – Governativi (1-3 Anni)

Crowl (Carmignac): “Puntiamo sulla gestione flessibile e attiva”

Carmignac: 2017, attenti a quello che desiderate

Carmignac: attenti a Donald Trump, è un rigoroso neo mercantilista

Carmignac: Trumponomics e protezionismo, le chiavi del 2017

Doppia nomina per Carmignac

Carmignac: il 12 ottobre la web conference sulle sfide di mercato

Fondi, Carmignac costa troppo rispetto ai rendimenti

Carmignac, Denham a capo del team azionario europeo

Carmignac: sviluppi positivi in Brasile

Carmignac: l’azione delle banche centrali non basterà

Hulme (Carmignac): è il momento di puntare sulle commodities

Classifiche BLUERATING: Carmignac in testa sui Monetari euro/Alta volatilità

Classifiche BLUERATING: Carmignac primo sull’obbligazionario area euro 1-3 anni

Carmignac: la transizione opportunità per le gestioni attive

Carmignac, Morgan Stanley e Nordea al top tra gli Azionari Globali

Classifiche BLUERATING: Carmignac e Morgan Stanley tra i più forti con gli azionari globali

Classifiche BLUERATING: tra gli azionari globali dominano Carmignac, AllianceBernstein e Morgan Stanley

Carmignac (Saint-Georges): i mercati sono troppo rigidi e poco flessibili

Classifiche BLUERATING: fondi azionari globali, la medaglia va a Carmignac e Morgan Stanley

Classifiche, Fondi monetari euro: brillano Credit Suisse e Carmignac

Classifiche BLUERATING, Carmignac e Fidelity al top con gli azionari globali

Ti può anche interessare

Unigestion, completato il closing di Unigestion Direct Opportunities 2015

Il fondo ha chiuso a 255 milioni di euro, superando abbondantemente l’obiettivo di 200 milioni di ...

Mirabaud Am punta sugli emergenti con Moreno

Il manager entra nel team obbligazionario come senior portfolio manager, responsabile del debito dei ...

Classifiche Bluerating: Gam in testa tra i fondi a Azionari Cina

Secondo le analisi di Bluerating basate su fondi della categoria Azionari Cina, il migliore negli ul ...