L'Oracolo – Crisi io mo te magno

A
A
A

Strane visioni dal mondo della finanza. Sembra che la recente crisi finanziaria abbia accentuato alcune nostre abitudini culinarie sul lavoro..

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti28 agosto 2009 | 15:15

Osservare la fauna di un ufficio durante la pausa pranzo è quanto di più stimolante possa esserci per un amante dell’antropologia. Altro che studi sulle tribù autoctone delle Galapagos, osservare come si comportano le diverse tipologie di colleghi è il top di quello che il mondo può offrirci. C’è quello a dieta (a questa categoria appartiene il 95% del popolo femminile) che mangia l’insalata, quello a dieta, ma che si vergogna di ammetterlo, che fa finta di uscire per poi venir scoperta mangiare la medesima insalata in un sottoscala del palazzo, quello tirchio che pratica il digiuno fingendosi novello asceta, quello mascella d’oro che puntualmente aumenta di due taglie dopo ogni pranzo e infine l’abitudinario, che estrae dalla borsa con minuziosa cura uno scrigno di plastica contenente un piatto dall’aspetto decisamente espressionista, la cosiddetta schiscetta (per chi abita a Milano). Un’abitudine, quest’ultima, che sempre avere preso ancora più forza grazie alla crisi.

A rivelarlo è uno studio condotto da Alice Cucina, Sitcom Editore, che ha monitorato le abitudini culinarie in 97 uffici italiani durante il primo semestre del 2009. E’ infatti aumentato il numero (59 per cento del campione) di coloro che si preparano a casa il pranzo da consumare durante la pausa; tra questi il 71 per cento sono maschi tra i 25 e i 40 anni. Le donne, come tradizione d’ufficio ci insegna, sono in minoranza e spesso si accontentano di un frutto o di uno snack. Ancora una volta il cibo, fatto in casa, si conferma ottimo rifugio contro i dispiaceri. Finanziari.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Arriva la mini voluntary. Ecco quanto costa e a chi si rivolge

Ethenea, un viaggio verso la destinazione 2018

Obbligazionario trigger per l’azionario

Ubs Wm vede all’orizzonte una correzione per l’euro

Ambrosetti, a Cernobbio il Forum fa il tagliando all’economia

Le criticità dei mercati alla prova dell’intelligenza del rischio

Peters: “La prossima crisi sarà devastante”

Successo di gruppo

Credit Suisse e Lbs scoprono chi ha reso di più come azioni e bond dal 1900 a oggi

Goldman Sachs AM, ecco i tre principali rischi sui mercati

Consultinvest: regola numero uno, guardare ai fondamentali

Schroders: la debolezza dei mercati dovuta al sentiment degli investitori

La volatilità: cos’è davvero e come funziona

Padoan e Lombardo al Salone del Risparmio: strada della ripresa ancora lunga

L’ondata di vendite? Colpa degli umori

Mercati, state sereni: ci penserà mamma Fed

Insider&mercati, l’outlook globale rimane positivo

Olli Rehn a BLUERATING: “ci aspettiamo che l’Italia continui così anche dopo le elezioni”

Investire sulle aziende che comunicano apertamente conviene

La Francia rischia di diventare il nuovo malato d’Europa

Decisioni d’investimento, assicurative e previdenziali

Democratici e Repubblicani divisi sul fiscal cliff

Stimoli monetari in grado di compensare i bassi utili

Il trading online, dallo Sputnik al World Wide Web (1930-1999)

Titolo da monitorare StMicroElectronics

Titolo da monitorare Fiat Industrial

Titolo da monitorare Banca Monte dei Paschi di Siena

Arriva Bluerating, la grande fuga da Banca Network

Titolo da monitorare Eni

Titolo da monitorare Snam

Titolo a monitorare Ubi Banca

Cipro è il quinto Paese a chiedere gli aiuti all’Europa

La Germania: l’altra faccia della locomotiva d’Europa

Ti può anche interessare

Catricalà (Oam): “Ora andiamo a pieni giri”

Il presidente dell'organismo che gestisce gli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei me ...

Azimut, Anima e FinecoBank: risparmio gestito sotto i riflettori a Milano

AZIMUT APPENA SOTTO I 19 EURO – Azimut in lieve rialzo a Piazza Affari, dove il titolo oscilla ...

I finalisti dei PRIVATE Banking Awards: categoria HEDGE FUND

Si alza il velo sui finalisti dei PRIVATE Banking Awards, che verranno assegnati il 22 novembre pro ...