Anche il Banco bacchetta Moody’s

A
A
A

L’istiuto smentisce i recenti rumors di un aumento di capitale ma lascia aperta la porta a possibili dismissioni. E bacchetta Moody’s, dopo il downgrade di due giorni fa. Confrontando i dati patrimoniali…

di Redazione30 settembre 2010 | 10:00

Ancora una volta, il Banco Popolare smentisce un possibile aumento di capitale ma lascia la porta aperta sul fronte delle cessioni: pur precisando che la “sola trattativa” in corso riguarda la partecipazione in Banca Caripe, ricorda che “la dismissione di asset potrebbe costituire una delle possibili modalità di rafforzamento della propria base patrimoniale”. Ieri Milano Finanza citava la possibile vendita del Credito Bergamasco e della Cassa di Risparmio di Lucca Pisa e Livorno. Non solo, sulle questioni da chiarire c’è anche quella relativa al recente downgrade di Moody’s, che il Banco bacchetta. Esattamente come ha fatto la settimana scorsa il Monte Paschi di Siena. 

Riprendiamo il confronto con Moodys: un paio di giorni fa l’agenzia di rating aveva abbassato il rating da C- a D+ e rivisto l’outlook dei “deposit ratings” da “stabile” a “negativo”. Secondo il Banco Popolare, “tale decisione non tiene adeguatamente conto dei miglioramenti ottenuti dal gruppo nel suo profilo reddituale, nel profilo di rischio e nella posizione patrimoniale”. L’istituto ricorda le operazioni messe a segno da luglio 2009 a oggi: “il Banco – si legge in un comunicato – ha conseguito risultati di rilievo dal punto di vista della redditività (utile netto contabile 437 milioni, utile normalizzato 178 milioni), del riallineamento della performance della Banca Popolare di Lodi (impieghi verso clientela +9%, collocamento prodotti di investimento +32%, utile netto 44 milioni), del processo di derisking di Banca Italease (-1,6 miliardi di incagli e sofferenze da inizio anno), oltre ad avere consolidato i ratios patrimoniali prospettici con l’emissione di un prestito convertibile in grado di contribuire per circa 110 punti base al Core Tier 1 ratio”.

Confrontando i dati finanziari (comprensivi di Italease) al 30 giugno 2009 e al 30 giugno 2010, emerge un quadro a luci e ombre. Il margine finanziario è sceso a 965,8 milioni di euro da 1 miliardo di euro. Sono cresciute però le commissioni (a 635 da 590 milioni). L’utile è cresciuto a 436 milioni dai 204 milioni dello scorso anno (un dato difficilmente confrontabile sia per effetto del consolidamento di Banca Italease che per la presenza di significative componenti straordinarie).

Sul fronte patrimoniale, i coefficienti di solidità sono rimasti piuttosto stabili, nonostante i Tremonti bond: al 30 giugno il Banco presentava un core Tier 1 ratio al 6,1%, un Tier ratio del 7,6% e un Total capital ratio del 10,3%. Considerando la cessione di Factorit e la futura conversione del prestito obbligazionario convertibile, i coefficienti sono previsti in crescita al 7,3%, all’8,8% e all’11,6%. Al 30 giugno 2009 il core Tier 1, era pari al 6,2%, il Tier 1 al 6,6%, il Total capital ratio al 10,2%. Nel frattempo l’istituto ha emesso 1,45 miliardi di Tremonti bond che hanno rafforzato il capitale (ma che dovranno essere rimborsati) e dovuto registrare gli impatti negativi dello “squeeze out” delle minorities di Italease e dell’opzione put sulle quote di minoranza della Cassa di Risparmio di Lucca Pisa e Livorno.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

McKinsey: “Cosa serve ancora alle banche”

Messina (Intesa Sanpaolo): npl, servono correttivi a regole Bce

Top manager di banche e digital al Summit di Saint-Vincent

Fallimenti e rivalsa sulle banche, il cliente può agire

Consob, l’Acf stoppa i ricorsi contro Bpvi e Veneto Banca

Banca Mediolanum dice la sua sull’innovazione digitale

Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

L’aumento del c/c per il fondo salva-banche è illegittimo

Cryan (Deutsche Bank) auspica tassi più alti e più fusioni e acquisizioni tra banche

Vigilanza bancaria, così cambia l’assetto dei controlli in Europa

Banche italiane, il consolidamento è partito

Dal 2007 in Europa sono scomparse 700 banche

Crediti problematici: Rev punta a collocare due portafogli di Npl tra agosto e ottobre

Hsbc, la svolta di Gulliver porta risultati

Qatar: le tensioni geopolitiche fanno defluire i capitali stranieri

Gacs, si va verso il rinnovo ma il costo potrebbe cambiare

A John Cryan serviranno anni per ristrutturare Deutsche Bank

Ubi Banca in stato di grazia a Piazza Affari: +4,34%

Reti Top, conto alla rovescia per le semestrali

Morgan Stanley: serviranno 10 anni per superare crisi Npl

Credit Suisse: i mercati già incorporano il rialzo dei tassi, ma siamo solo all’inizio

Torna l’assemblea annuale dell’Abi, banchieri a raccolta a Roma

Goldman Sachs punta sui prestiti alla clientela istituzionale Usa

Le ultime mosse sulle banche italiane convincono persino Schaeuble

Banche: oltre a Banca Carige occhio a Mps

La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

Banca Carige opta per un aumento da 500 milioni

Banche, anche in Svizzera è l’ora delle razionalizzazioni

Banche: ora tocca al dossier Stefanel

Piazza Affari corre con le banche, brilla Unicredit

L’estate 2017 potrebbe rivelarsi propizia per le banche italiane

Dopo salvataggio banche venete si sblocca anche vicenda Mps

Banche a passo di corsa in borsa, per Credit Suisse è un “happy ending”

Ti può anche interessare

Bnp Paribas Ip: la politica in primo piano, dati economici complessivamente positivi

Per Joost van Leenders, chief economist del team Multi asset solutions, i mercati finanziari hanno t ...

Blueindex: la Yellen dà la carica ai titoli del risparmio gestito

RISPARMIO GESTITO A PASSO DI CORSA – Risparmio gestito tricolore avanti tutta sul Blueindex, d ...

Blueindex: una giornata memorabile per Unicredit

UNICREDIT TORNA IN TESTA – La galoppata di ieri riporta i titoli finanziari italiani nelle pos ...