Tutti fuggono ma c’è chi dice sia il momento di acquistare. Davvero?

A
A
A

Il quadro è ideale per chi fa trading. Lo è molto meno per chi si affida ai fondi. Ecco perché

di Redazione29 novembre 2011 | 10:23

La crisi del debito sovrano, che finalmente anche le autorità europee sembrano aver iniziato a capire, è di natura sistemica e continua a incidere sull’andamento del settore del risparmio gestito, non solo in Italia. Secondo i dati Lipper (società analitica del gruppo Reuters), a ottobre negli Stati Uniti per il II mese consecutivo nonostante buone performance ottenute dai fondi azionari, gli investitori hanno richiesto rimborsi netti per 20,2 miliardi dollari al settore dei fondi comuni. La raccolta netta che ha premiato i fondi obbligazionari (+11,3 miliardi dollari) non è infatti stata sufficienti a compensare i 10,9 miliardi di riscatti netti dei fondi azionari e i 20,5 miliardi di riscatti netti dei fondi bilanciati e monetari.

Se gli Stati Uniti piangono, l’Europa, al centro della crisi, non ride di sicuro: i dati di Efama già ricordati su Bluerating hanno mostrato un deflusso netto pari a 48,5 miliardi di euro a settembre per i fondi armonizzati Ucitis, più che doppi rispetto al rosso da 20,3 miliardi di agosto e in ottobre potrebbe essere andata ancora peggio. “È sempre la solita storia”, si sfoga un lettore di BLUERATING che sostiene: “la storia dimostra che chi agisce in senso contrario alla massa fa sempre ottime performance. Ora è il momento di acquistare, invece tutti fuggono”. Il problema è che in questi casi alcuni investitori istituzionali sono obbligati a disinvestire, essendo venuta meno la fiducia dei mercati nei confronti di alcuni emittenti ed essendosi attivati così meccanismi di riallocazione dei portafogli a lungo termine. Chi ha investito in titoli di stato greci ha scoperto che per quanto attraenti anche tassi di molto superiori al 7% annuo non garantiscono affatto un buon affare, neppure dopo il varo di importanti piani di aiuto, tant’è che oggi deve scegliere tra accettare “volontariamente” una decurtazione del 50% del proprio capitale investito come proposto dal Tesoro greco o cedere i titoli sul mercato con perdite persino superiori. Così quando a tremare sono Paesi come l’Italia o la Francia la reazione è immediata e univoca: vendere.

Anche perché il quadro macroeconomico non si presenta incoraggiante a breve, almeno in Occidente, mentre le ultime trimestrali (si pensi a UniCredit o a Finmeccanica) hanno fatto emergere pesanti svalutazioni e abbattimenti di valore, facendo nascere qualche sospetto circa la reale consistenza degli attivi di molte banche e imprese quotate (e facendo così aumentare nuovamente il rischio di ulteriori downgrade). Insomma: acquistare quando le quotazioni sono basse in valore assoluto o anche solo in termini di multipli di borsa ha senso e può portare a buone performance a patto che vi sia fiducia nelle possibilità del debitore di crescere e ripagare il debito (ovvero nel caso di un investimento azionario crescere con buoni margini di profitto). Altrimenti è un azzardo, più o meno elevato a seconda dello strumento e del mercato a cui si guarda. Così forse il nostro lettore ha ragione ed è il momento di acquistare, ma non tutto e non di corsa, perché l’incertezza regna ancora sovrana e occorrerà valutare attentamente e quasi giorno per giorno l’evolversi dello scenario. Un quadro ideale per chi fa trading, forse, meno per chi si affida a strumenti come fondi e gestioni, per quanto ben gestiti possano essere.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Crediti problematici, Intesa Sanpaolo, Unicredit, KKR e M&A al lavoro

Credem, per i lettori i progetti non bastano

Mps, quale sarebbe il partner ideale? Parlano i lettori

Mps è da nazionalizzare? I pareri dei lettori si dividono

Il web va bene ma il vostro pf è meglio. Parlano i lettori

Posta del pf: tecnologia effimera o vera innovazione?

La trasparenza è l’unica arma per tutelare il risparmio

Posta del pf: Moody’s taglia il rating italiano, che fare?

Posta del promotore: la dimensione non è tutto, ma aiuta

La raccolta è l’unica stella polare del pf?

Con la crisi gli italiani riscoprono il risparmio

Posta del pf, la mediazione creditizia val bene una messa

Posta del pf: Barclays fa cassa, Bankia chiede aiuto

Posta del pf, colleghi che sbagliano

Posta del pf: supermanager, guadagni e polemiche

Posta del pf, tutti i problemi del cambiar casacca

Posta del pf, non è solo Ennio Doris a rinunciare al doppio incarico

Posta del pf, Hypo Tirol Bank rinuncia alla licenza bancaria in Italia

Posta del pf, lavoro e sogni son cose diverse

Posta del pf: analista finanziario, un mestiere difficile

Posta del pf, Renminbi Opportunities incuriosisce un lettore

Posta del pf: Bilancio in chiaroscuro per Mediolanum

Posta del pf: Allianz, commenti critici o pura invidia?

Posta del pf, non accenna a spegnersi il dibattito intorno al nome di Marco Riva

Posta del pf: Marco Riva divide la platea

Posta del pf: Duemme sgr, innesco di una nuova partita di risiko?

Posta del pf, collocamento e consulenza possono convivere

Posta del pf, commissioni bancarie, gli animi si scaldano

Posta del pf: Mps vuole ridurre il costo del personale, tira aria di esuberi

Posta del pf, i numeri di Poste Italiane? Hanno un turbo nascosto

Posta del pf, onestà e trasparenza per il rilancio della professione

Posta del pf, sui numeri delle reti c’è sempre chi si dice perplesso

Posta del pf, i numeri ci dicono qualcosa, ma non tutto

Ti può anche interessare

Unicredit, titolo poco mosso dopo l’attacco informatico

UNICREDIT DENUNCIA INTRUSIONE INFORMATICA – Unicredit in calo dello 0,76% a 16,89 euro per azi ...

Inflazione al 2% in Eurolandia, non succedeva dal gennaio 2013

PREZZI SALGONO DEL 2% IN EUROLANDIA – L ‘inflazione ha toccato a febbraio il 2% annuo nell ...

Aabar ha fiducia in Unicredit, chiude le opzioni put e call sul titolo

AABAR CHIUDE LE OPZIONI – Segnale di fiducia da parte di Aabar Investment verso Unicredit: il ...