Massimo Doris lascia Banca Esperia

A
A
A

Vuole concentrarsi su Mediolanum: sarà sostituito nel board da Del Fabbro. E dalla private bank se ne va anche Messina.

Andrea Giacobino di Andrea Giacobino30 luglio 2014 | 10:30

MASSIMO DORIS – Massimo Doris lascia il consiglio d’amministrazione di Banca Esperia, la private bank di Mediobanca e Mediolanum, il gruppo bancassicurativo al cui timone oggi c’è il figlio di Ennio Doris. Secondo quanto risulta a bluerating.com le dimissioni sono state formalizzate da Doris per lettera ad Edoardo Lombardi, presidente di Banca Esperia, qualche giorno fa e sono state dettate dall’esigenza del manager-azionista di concentrarsi totalmente nella gestione del business di Mediolanum. Massimo Doris sarà sostituito nel board di Banca Esperia da Luigi Del Fabbro, chief administrative officer di Banca Mediolanum e in Mediolanum dal 1986, oggi è anche amministratore delegato di Mediolanum Assicurazioni e di Mediolanum Vita.

SALVATORE MESSINA – Le dimissioni di Massimo Doris non sono state le sole in Banca Esperia. Ha lasciato anche l’amministratore indipendente e presidente del comitato controlli interni, l’avvocato Salvatore Messina, perché diventato presidente di Banca Farmafactoring. Messina, 40 anni di servizio in Banca d’Italia, nella lettera di dimissioni inviata a Lombardi ha auspicato “un dibattito franco fra i soci” sull’assetto azionario di Banca Esperia. E proprio Massimo Doris recentemente ha sottolineato che la quota nella private bank non è più strategica per Mediolanum.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fondi, Gross delude a Janus

Fondi, addio alle 3 regine

Consulenti, Banca Ipibi lascia Assoreti

“Voluntary disclosure”, le pratiche accelerano

Promotori, Gerardini in Finanza & Futuro

Voluntary disclosure, proroga in due tempi

Hedge, Busson migliora Gottex

“Voluntary disclosure”, meno di 20.000 domande

Antiriciclaggio: ecco le nuove regole

Campora (Allianz): gestire il cliente “ibrido”

Quel 60% deve far paura a promotori e private

Private banking, Albertini Syz in crescita

Azimut pesca l’asso Latini

“Voluntary disclosure” per gli anni prescritti

Private banking, Santander Italia migliora

Fondi, Arpe festeggia con Sator

Promotori, 2 tappe per Sol&Fin

Superfideuram, fatta la squadra

“Voluntary”, il Fisco alza la posta

Superfideuram, benedizione di Draghi

Giuliani (Azimut): l’Italia può anche colonizzare

Private Banking, Ubs Italia corre

Promotori, la lezione Vanguard-Pimco

Banca, 2 top manager per Bpvi

Fideuram, Colafrancesco presidente

Fondi, il “guru” Gross è deludente

“Voluntary disclosure”, intoppo “waiver”

Fondi, regalone Pioneer a UniCredit

Fondi, Kairos diventa banca

Promotori, elezioni Anasf pronti via!

Azimut, il mistero di BlackRock

Voluntary disclosure, il peso dell’Iva

Fondi, BlackRock ha il mal di testa

Ti può anche interessare

Blueindex, seduta volatile ma ricca di spunti

UNICREDIT TORNA SOTTO I RIFLETTORI – Gam Holding, Old Mutual, Unicredit e Man Group tornano a ...

Banca Carige continua a correre a Piazza Affari

BANCA CARIGE CONTINUA LA CORSA – Banca Carige prosegue la corsa e guadagna anche oggi a Piazza ...

Peugeot corre dopo acquisto Opel-Vauxhall

PEUGEOT SUI MASSIMI A 12 MESI – Peugeot in rialzo del 4% sul listino di Parigi appena sotto i ...