Il wealth management spinge i conti di Mediobanca

A
A
A
Luigi Dell'Olio di Luigi Dell'Olio4 agosto 2017 | 07:15

Il wealth management risulta determinante sui principali indicatori del bilancio 2016/17 di Mediobanca.  Piazzetta Cuccia ha chiuso il periodo dal 1° luglio 2016 al 30 giugno 2017 con un aumento dell’utile netto nell’ordine del 24%, a quota 750 milioni di euro, mentre il risultato operativo è balzato del 16% a 855 milioni.

Le commissioni nette salgono del 16% (a 523 milioni) per il maggior apporto del Wealth Management (+51% a 203 milioni). A fine esercizio, il totale delle attività finanziarie gestite da questa divisione si attesta a 60 miliardi di euro (+43%), i ricavi a 460 milioni (+38% nel confronto annuo) e l’utile netto a 55 milioni (+45%).

Le masse gestite dal wealth management, inclusa la raccolta retail, aumentano da 42,2 a 59,9 miliardi (Banca Esperia al 100%); gli attivi gestiti/amministrati ammontano a 30 miliardi, di cui 22,9 miliardi riconducibili al private banking e 7,1 miliardi alla componente affluent & premier di CheBanca!.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Ubs, balza l’utile trimestrale

Cornèr Banca: un 2017 in chiaroscuro

Efg, l’affare Bsi è un salasso

Ti può anche interessare

India, anno da record per il private equity

Il 2017 verrà ricordato come un anno record per il mercato indiano del private equity. I flussi in ...

Jerusalmi (Borsa Italiana): “Dai Pir nuovo impulso al mercato immobiliare”

Per l'ad di Borsa Italiana "il real estate è un mercato in ripresa in generale, e magari qualcuno n ...

Nuova sede per Cordusio Sim

Inaugurata la location di via Borromeo a Milano ...