Fondazione Mps: accordo standstill anche con Credit Suisse

A
A
A
di Redazione 28 Dicembre 2011 | 08:23
Raggiunta l’intesa di moratoria, la seconda controparte oltre a Mediobanca dei contratti total return swap sui…

Dopo Mediobanca, ora tocca a Credit Suisse. La Fondazione Monte dei Paschi di Siena ha comunicato di aver coraggiunto l’accordo di moratoria anche con Credit Suisse, la seconda controparte dei contratti di total return swap sui titoli fresh del 2008. A comunicarlo l’ente stesso guidato da Gabriello Mancini, precisando che l’accordo, così come quelli siglati e comunicati al pubblico il 19 dicembre 2011, con il pool di banche finanziatrici dell’aumento di capitale del luglio 2011 e con Mediobanca, prevede la sospensione fino al 15 marzo 2012 del meccanismo di integrazione e svincolo delle garanzie prestate dalla Fondazione su questi contratti.”Così come convenuto con gli altri creditori finanziari della Fondazione” recita la nota “anche lo standstill con Credit Suisse prevede il mantenimento di tutte le ulteriori previsioni contrattuali tra le quali specifiche ipotesi di eventuale durata inferiore del periodo di sospensione della marginazione”. “Anche con riferimento a questo accordo, nel corso del periodo di standstill la Fondazione provvederà a predisporre un piano di ribilanciamento economico-finanziario di medio termine da condividere con gli istituti finanziatori” Le trattative della Fondazione Mps con i creditori riguardano il finanziamento per l’ultimo aumento di capitale (con un residio di 524 mln) e per il Fresh 2008, con un controvalore intorno ai 360 mln.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banche, Mps: Anima possibile candidata alla ricapitalizzazione

Mps e Popolare di Bari, uscite sostenibili con un occhio al mercato

Banche, Mps: in vista un nuovo ricorso ad Amco?

NEWSLETTER
Iscriviti
X