I commercialisti vogliono diventare anche cf

A
A
A
di Andrea Telara 25 Maggio 2017 | 12:39
Sono quasi 120mila in tutta Italia e potrebbero fare concorrenza ai consulenti finanziari. Radiografia di una categoria professionale che sta cercando di allargare il proprio business.

Nel programma che ha portato all’elezione di Massimo Miani, veneziano, classe 1961, dal gennaio scorso nuovo presidente del Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili, c’è un passaggio che non lascia spazio a dubbi. Tra le proposte avanzate dalla Lista Miani, vincitrice dell’ultima competizione per il rinnovo dei vertici dell’Ordine, c’è “la promozione della figura professionale del commercialista specializzato in consulenza sulla gestione globale di patrimoni (family office e wealth management)” e “lo sviluppo di accordi con le principali case di gestione e fiduciarie”.

ALTRE ADVISORY – Detto in parole povere i commercialisti italiani sembrano intenzionati seriamente a esplorare il business delle consulenza finanziaria, allargando il raggio di azione della loro attività, tradizionalmente ancorata ad altri tipi di advisory (fiscale, tributaria, fallimentare o societaria). Del resto nessuna norma glielo impedisce. Per legge infatti la figura del commercialista è incompatibile soltanto con quella del consulente finanziario abilitato all’offerta fuori sede (l’ex-promotore). Non esiste invece alcuna incompatibilità con la figura del consulente autonomo (o fee-only), ovvero con quel professionista che svolge attività di financial adivisor e viene remunerato esclusivamente con le parcelle pagate dai clienti, senza alcun legame economico con chi fabbrica i prodotti finanziari, cioè con le case di gestione.

PERMESSO DI LEGGE – A confermarlo è stato anche Lorenzo Sirch, candidato con la Lista Siani durante le elezioni per il rinnovo dell’Ordine e oggi delegato alle materie finanziarie come componente del Consiglio nazionale dei commercialisti e degli esperti contabili. Intervistato da Bluerating.com nei mesi scorsi (si veda il numero di aprile del nostro mensile, n.d.r.), Sirch ha ricordato che nella la stessa legge costitutiva Consiglio nazionale dei commercialisti (cioè il decreto legislativo n. 139 del 2005), c’è scritto a chiare lettere che i commercialisti possono “svolgere un’attività di studio e analisi finanziaria” che costituisce, implicitamente o esplicitamente, una forma di consulenza di investimento per i clienti.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Esame per l’albo dei cf, la scadenza per la prova di Milano

Intesa Sanpaolo assume 500 consulenti (a metà)

Albo consulenti finanziari, tutte le prossime scadenze

NEWSLETTER
Iscriviti
X