Gruppo Azimut, il primo trimestre si chiude con un utile netto di oltre 40 milioni

A
A
A
di Redazione 9 Maggio 2013 | 12:14
Il dato è inferiore rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Il numero uno Pietro Giuliani conferma “gli obiettivi di crescita che ci siamo posti”.

IL TRIMESTRE CHIUDE IN UTILE – Il consiglio di amministrazione di Azimut Holding Spa ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2013, che secondo quanto si apprende dalla nota ufficiale evidenzia i seguenti: ricavi consolidati nel primo trimestre pari a 112,2 milioni di euro, in lieve calo rispetto ai 136,0 milioni dello stesso periodo di un anno fa; utile ante imposte di 44,2 milioni, anche qui in flessione rispetto ai 72,5 milioni del primo trimestre 2012; l’ultima riga del conto economico, ossia l’utile netto consolidato, nel primo trimestre è di 41,4 milioni, meno dei 63,3 milioni dello scorso anno. Il patrimonio totale a fine marzo si è attestato a 20,6 miliardi, comprensivo del risparmio amministrato e gestito da case terze direttamente collocato: 18,4 miliardi le masse gestite internamente, con un +5,4% rispetto al 31 dicembre 2012.

STACCO DEL DIVIDENDO – La posizione finanziaria netta consolidata a fine marzo 2013 risultava positiva per circa 314,5 milioni, in aumento rispetto ai 278,2 milioni di fine dicembre 2012. Il gruppo ricorda che con decorrenza 23 maggio 2013 (con stacco cedola 20 maggio 2013 e record date 22 maggio 2013) sarà pagato il dividendo ordinario di competenza 2012, per complessivi 0,55 euro per azione ordinaria al lordo delle ritenute di legge (escluse le azioni proprie eventualmente detenute il giorno precedente alla data di stacco dividendo), con un esborso totale di circa 73 milioni.

SALE IL NUMERO DEI PROMOTORI – Positivo il reclutamento di promotori finanziari: nel primo trimestre Azimut Consulenza, Az Investimenti e Apogeo hanno registrato 43 nuovi ingressi, portando il totale delle reti del gruppo Azimut a fine marzo a 1.420 unità. Il cda ha deliberato di volersi nuovamente avvalere della facoltà di rimborso anticipato parziale delle obbligazioni “Azimut 2009-16 Subordinato 4%”. Il rimborso avverrà il primo luglio e sarà pari al 20% del valore nominale originario. Sarà quindi rimborsato in contanti un totale di 17.691.400 euro.

IL COMMENTO DEL MANAGERPietro Giuliani, presidente e ceo del gruppo, sottolinea: “Siamo molto soddisfatti di come abbiamo iniziato il 2013, con una buona tenuta dei ricavi in linea con gli ultimi trimestri e una raccolta che ha superato il miliardo di euro nei primi quattro mesi. L’attività di investimento e gestione del risparmio è particolarmente influenzata da fattori ambientali esogeni e questi dati confermano la solidità del nostro modello di business, fondato sull’integrazione fra distribuzione e gestione, che ci consente di migliorare continuamente l’efficienza e di creare valore in qualsiasi contesto. Lo straordinario dato di raccolta, la stabilità delle masse – il patrimonio totale è di 20,9 miliardi di euro a fine aprile, con un +7% rispetto al 31/12/2012 – l’ampia diversificazione dell’offerta sono risultati raggiunti con costanza e impegno che ci portano a confermare gli obiettivi di crescita che ci siamo posti”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti