Assoreti, il patrimonio in mano alle reti di promotori sfiora i 265 miliardi a marzo

A
A
A
di Redazione 10 Maggio 2013 | 12:31
La crescita rispetto al trimestre precedente è arrivata principalmente dai prodotti del risparmio gestito, che a fine mese registravano consistenze patrimoniali per 194,8 miliardi

NUOVO RECORD PER LE MASSE – E’ salito a quota 264,8 miliardi a fine mazo 2013 il patrimonio dei clienti delle reti di promotori finanziari, toccando un nuovo record con un aumento del 3% rispetto ai 257,1 miliardi di fine dicembre 2012, grazie anche alla buona raccolta realizzata nel primo trimestre dell’anno, pari a 4,2 miliardi di euro (qui la notizia).

BENE IL RISPARMIO GESTITO
– I dati pubblicati da Assoreti mostrano che la crescita è arrivata principalmente dai prodotti del risparmio gestito, che a fine marzo registravano consistenze patrimoniali per 194,8 miliardi (186 miliardi a dicembre), con un’incidenza sul portafoglio totale in aumento al 73,6%, di cui 114,6 miliardi – il 43,3% del patrimonio totale – in mano a fondi e sicav. All’interno di quest’ultima categoria, le masse investite in fondi comuni esteri erano pari a 99,7 miliardi di euro (+5,8% su trimestre), mentre quelle affidate ai fondi di diritto italiano sono salite solo dell’0,8% a 13,9 miliardi di euro. Per quanto riguarda prodotti assicurativi e previdenziali, il patrimonio a fine marzo risultava pari a 64 miliardi, mentre altri 16 miliardi erano investiti in gestioni patrimoniali.

IN CALO L’AMMINISTRATO
– Nel comparto del risparmio amministrato invece,  le masse complessive sono scese dell’1,7% a 70 miliardi di euro: nello specifico, il portafoglio titoli ammontava a fine mese a 38,1 miliardi di euro, con un’incidenza paro al 14,4% sul patrimonio totale; stabile al 12,1% la componente mantenuta sotto forma di liquidità, pari a 31,9 miliardi di euro.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti