Azimut, l’utile semestrale sfiora gli 82 milioni di euro

A
A
A
di Redazione 24 Luglio 2014 | 13:20
I ricavi consolidati si sono attestati a 258,4 milioni di euro contro i 226,5 milioni del primo semestre 2013, mentre la posizione finanziaria netta…

UTILE A 82 MILIONI – Il gruppo Azimut ha chiuso il primo semestre con un utile netto di 81,8 milioni di euro, in leggero miglioramento rispetto ai 78,3 milioni di un anno prima, e con ricavi consolidati per 258,4 milioni di euro contro i 226,5 milioni del primo semestre 2013.  La posizione finanziaria netta consolidata a fine giugno 2014 risultava positiva per 303,9 milioni  di euro (era di 245,6 milioni a fine giugno 2013 e di 363,5 milioni a fine dicembre 2013), mentre la cassa generata dalle attività operative è stata di 87 milioni di euro nel semestre, perodo in cui sono stati pagati dividendi ordinari per circa 93 milioni.

MASSE – Il totale delle masse gestite a fine giugno 2014 raggiunge i 24,8 miliardi, mentre considerando anche il risparmio amministrato e gestito da case terze direttamente collocato si arriva a 27,6 miliardi, un dato che supera il target del business plan 2010-2014 con 6 mesi di anticipo. La raccolta netta nei primi sei mesi dell’anno è stata di 3,5 miliardi, anche grazie al consolidamento delle masse di Augustum Opus sim che hanno contribuito per circa 800 milioni.

RECLUTAMENTO – Positivo anche il saldo per il reclutamento di promotori finanziari, che porta il totale delle reti del gruppo a 1516 unità nel primo semestre 2014; Azimut Consulenza, AZ Investimenti e Apogeo hanno registrato 76 nuovi ingressi nel periodo.

IL COMMENTO DI GIULIANI – “I dati di questo semestre confermano il trend di crescita ed evidenziano risultati che ad oggi proiettano il gruppo verso il miglior utile della nostra storia”, ha detto Pietro Giuliani, presidente e ceo di Azimut. “Con la recente acquisizione in Messico di Màs Fondos, la principale società indipendente di distribuzione nel settore del risparmio gestito messicano con circa il 10% di quota del relativo mercato, abbiamo compiuto un ulteriore passo per rafforzare la nostra presenza in America Latina e centrare l’obiettivo di avere entro fine anno il 10% delle masse all’estero. Questa strategia di espansione internazionale proseguirà con decisione e poggerà sempre più, per l’internazionalizzazione dei nostri prodotti, sulla nostra presenza in Lussemburgo, seconda piazza finanziaria al mondo per i fondi d’investimento”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Azimut, ecco gli obiettivi di reclutamento per il 2022

Azimut, ecco il piano per il 2022

Azimut, la convention detta le linee strategiche

NEWSLETTER
Iscriviti
X