Febaf, Zonin (Bipop Vicenza) diventa vice presidente

A
A
A
di Redazione 9 Ottobre 2014 | 05:43
Il consiglio direttivo si è riunito e ha nominato Giovanni Zonin, presidente della Popolare di Vicenza, vice presidente della Federazione. Ecco tutti gli altri nomi.

UN NUOVO VICE PRESIDENTE PER FEBAF – Il consiglio direttivo della Federazione banche assicurazioni e finanza (Febaf), presieduto da Luigi Abete, si è riunito mercoledì 8 ottobre a Roma e ha nominato Giovanni Zonin, presidente della Banca Popolare di Vicenza, vice presidente della Federazione. Lo si apprende da una nota ufficiale. Zonin, in rappresentanza di Abi, farà parte del comitato di presidenza della Febaf che comprende, insieme al presidente Luigi Abete, i vice presidenti Aldo Minucci (presidente di Ania), Giordano Lombardo (presidente di Assogestioni) e Innocenzo Cipolletta (presidente di Aifi). Il consiglio direttivo della Federazione ha anche cooptato a consigliere Victor Massiah, consigliere delegato di Ubi Banca.

PROSPETTIVE ECONOMICHE
– La riunione – alla quale hanno preso parte, insieme al presidente Luigi Abete e al segretario generale Paolo Garonna, Carlo Acutis, Pier Ugo Andreini, Alessandro Azzi, Michele Calzolari, Innocenzo Cipolletta, Sergio Corbello, Bianca Maria Farina, Dario Focarelli, Victor Massiah, Aldo Minucci, Walter Ottolenghi, Antonio Patuelli, Alessandro Profumo, Giovanni Sabatini, Giuseppe Scognamiglio e Giovanni Zonin – è proseguita sul tema “Prospettive economiche e finanziarie per il 2015”, con la partecipazione dei componenti del comitato scientifico Carla Angela, Mario Baldassarri, Franco Bassanini, Alessandro De Nicola, Franco Gallo, Francesco Lippi, Pierpaolo Marano, Rainer Masera, Fabrizio Saccomanni, Gustavo Visentini. Dal dibattito sono emersi i seguenti obiettivi prioritari: il recupero di fiducia e credibilità da parte del sistema-Italia sui mercati internazionali; un aumento del livello di investimenti pubblici e privati anche per riequilibrare la diminuzione della crescita del commercio mondiale; una semplificazione dell’amministrazione e dei processi burocratici ai vari livelli e settori anche per migliorare il dialogo con l’Europa; la realizzazione delle riforme istituzionali.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Big del risparmio alla Giornata dell’investitore istituzionale

Garonna (Febaf): “In Europa serve un mercato unico dei capitali”

Assoreti entra in FeBaf

NEWSLETTER
Iscriviti
X