Eurovita entra nel private insurance e lancia Gold Protection

A
A
A

La compagnia di bancassicurazione guidata da Andrea Battista ha presentato a milano la nuova gamma di servizi assicurativi dedicati alla clientela private e affluent.

Marco Muffato di Marco Muffato26 giugno 2015 | 07:14

VOCAZIONE PER IL PRIVATE – Costituire una divisione specializzata nel private insurance realizzando nuove soluzioni dedicate ai canali distributivi del comparto affluent e private e alla loro clientela. Sono le principali novità presentate ieri a Milano da Eurovita, la compagnia di bancassicurazione guidata dall’a.d. Andrea Battista (nella foto) e partecipata dal colosso americano JC Flowers (JCF), con uno spazio particolare dedicato a ‘Gold Protection’, il prodotto di punta della nuova divisione private basato su una gamma di servizi assicurativi di protezione. La nuova soluzione di Eurovita si rivolge alla clientela affluent e ai soggetti che percepiscono redditi o possiedono patrimoni rilevanti, con l’obiettivo di offrire risposta alle esigenze di tutela della sicurezza della clientela, anche attraverso la destinazione dei capitali assicurati per fini di passaggio generazionale.

PROTEZIONE ORO – Gold Protection, in particolare, offre un capitale assicurato – sia causa di morte che invalidità totale e permanente da infortunio e da malattia – che varia da 1 milione a 5 milioni di euro. Grazie all’accordo con Europ Assistance, Gold Protection comprende un servizio di check up sanitario tramite una rete di centri medici convenzionati, e la possibilità di usufruire del servizio di noleggio con conducente su tutto il territorio nazionale per raggiungere il centro medico.
Il progetto è frutto anche di una doppia partnership con RGA, leader nella riassicurazione Vita, e Europe Assistance leader nei servizi di assistenza.

ACCORDI CON RETI E PRIVATE BANK Eurovita punta così sia a rafforzare l’offerta per l’attuale canale delle banche partner che ad attivare collaborazioni con una selezione di reti di promotori finanziari e partnership con private banker specializzati. L’a.d. Battista ha annunciato che saranno siglati entro la fine del 2015 almeno due o tre accordi con reti e private bank.


Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Mifid 2, big a Catania per parlare di educazione e consulenza

Si è svolto a Catania il convegno "Mifid II ed educazione finanziaria: tra tutela normativa e autot ...

Banca Generali: innovazione e fintech a supporto del private

Nel confronto "Ricette di Innovazione" Gian Maria Mossa spiega al vicedirettore del Giornale Nicola ...

Santander, l’acquisto del Banco Popular zavorra l’utile

Profitti in calo del 14% per il gruppo spagnolo dopo l’operazione di salvataggio della concorrente ...