Assoreti, raccolta in frenata a novembre. Bene il gestito

A
A
A

La flessione congiunturale dei volumi di raccolta è attribuibile ai disinvestimenti realizzati sui prodotti in regime amministrato (-858 milioni di euro), mentre aumentano (+9,3%) le risorse nette destinate al settore del risparmio gestito.

Chiara Merico di Chiara Merico3 gennaio 2018 | 12:05

DISINVESTIMENTI SULL’AMMINISTRATO – Le reti di consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede hanno realizzato a novembre una raccolta netta positiva pari a circa 2,2 miliardi di euro; a ottobre il dato era stato pari a 3,2 miliardi di euro. Lo riferisce Assoreti. La flessione congiunturale dei volumi di raccolta è attribuibile ai disinvestimenti realizzati sui prodotti in regime amministrato (-858 milioni di euro), mentre aumentano (+9,3%) le risorse nette destinate al settore del risparmio gestito, per un ammontare pari a 3,0 miliardi di euro. A fine novembre la raccolta netta complessiva delle reti è stata pari a 35,2 miliardi di euro, valore superiore a quanto realizzato nell’intero anno precedente (33,0 miliardi).
CRESCONO I VERSAMENTI SULLE POLIZZE – La crescita del risparmio gestito coinvolge le macro categorie dei prodotti assicurativi/previdenziali e delle gestioni patrimoniali individuali. I versamenti netti complessivi sulle polizze assicurative ammontano a 1,1 miliardi di euro, con un incremento congiunturale del 45%: gli investimenti netti sui prodotti assicurativi a maggiore contenuto finanziario aumentano del 41%, per un controvalore complessivo di 878 milioni di euro, mentre le polizze vita tradizionali registrano premi netti per 187 milioni di euro (+71%). Quasi triplicato il flusso di risorse destinato alle gestioni patrimoniali individuali (408 milioni di euro): la crescita coinvolge sia le gestioni patrimoniali in fondi, con investimenti netti per 276 milioni di euro, sia le Gpm  sulle quali la raccolta netta è pari a 132 milioni di euro. Diminuisce, invece, il volume di raccolta realizzato attraverso la distribuzione diretta di quote di Oicr, pur mantenendosi su livelli significativi (1,5 miliardi di euro). In particolare, gli investimenti destinati alle gestioni collettive aperte di diritto estero ammontano a 1,1 miliardi di euro, mentre il bilancio dei fondi di diritto italiano è in crescita e positivo per 329 milioni di euro. Il contributo mensile delle reti al sistema di Oicr aperti, attraverso la distribuzione diretta e indiretta di quote, si attesta, pertanto, su un ammontare di 2,6 miliardi di euro, pari al 39% delle risorse nette totali confluite nel sistema fondi (6,8 miliardi di euro). Da inizio anno l’apporto delle reti sale, così, a 28,5 miliardi di euro, rappresentando circa il 40% degli investimenti netti complessivi realizzati sulle gestioni collettive aperte (71,4 miliardi di euro).

VENDITE SU BOND E CERTIFICATES – La raccolta netta realizzata sui titoli in regime amministrato è negativa per 319 milioni di euro. I dati per i quali si dispone della ripartizione evidenziano la prevalenza degli ordinativi di acquisto sulle azioni, sugli exchange traded products e sugli strumenti del mercato monetario, mentre le vendite coinvolgono i titoli di debito ed i certificates. Il saldo della liquidità è negativo per 540 milioni di euro. A fine mese i clienti primi intestatari dei contratti salgono a 4,036 milioni. Il numero di consulenti finanziari abilitati all’o.f.s., con mandato dalle società rientranti nell’indagine dell’Assoreti, è pari a 22.445 unità (24.984 unità per l’intera compagine – dato stimato); di queste, 22.137 unità risultano effettivamente operative (con portafoglio > 0).


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Assoreti, l’amministrato spinge la raccolta a ottobre

Assoreti, cresce il patrimonio a settembre

Allarme reti, gestito in rosso dopo due anni e mezzo

Reti, il gestito torna a sorridere

Tra Anasf e Assoreti serve più dialogo

Catania (McKinsey): “Valorizzare il ruolo del consulente”

Assoreti: parte la grande sfida della Mifid 2

Assoreti, il debutto di Molesini

J’accuse Anasf, Santorsola: “Non è un sindacato”

Consulenza, le sfide del futuro al convegno Assoreti

Fideuram ISPB vince la tappa, Mediolanum prima in gestito

Reti, amministrato meglio del gestito a luglio

Consulenza, la formazione al servizio dell’industria

Procapite, vincono Bnl Bnp Paribas e Generali

Reti, raccolta positiva a giugno, polizze con meno appeal

Consulenti sempre più sul trono del gestito

Assoreti, Molesini presidente

Assoreti, l’amministrato spinge la raccolta ad aprile

Assoreti, Colafrancesco lascia

OCF, Tofanelli (Assoreti): “Nuovo statuto garanzia per tutti”

Assoreti, patrimonio stabile nel primo trimestre

Assoreti, raccolta ancora positiva a marzo

Buone regole da migliorare

Assoreti, lo sprint dell’amministrato

Reti, raccolta ancora tonica

Assoreti: il patrimonio dei clienti supera i 518 miliardi

ConsulenTia18/Tofanelli (Assoreti): “Reti, cogliete l’attimo”

Assoreti: 2017 da record per la produzione

Reti, a ottobre riparte la raccolta

Reti, nuovo record per il patrimonio

Reti, raccolta positiva ma in frenata

Reti, agosto da record per la raccolta

Reti, fondi e polizze trainano la raccolta

Ti può anche interessare

Advisor, mestiere complicato

Il cf si sente tartassato dagli adempimenti imposti e per una remunerazione non più adeguata ...

Manovra, effetto anche sul Btp Italia che non scalda i piccoli risparmiatori

Poco più di 400 milioni  durante la prima giornata di emissione, contro i 2,3 miliardi dell’emis ...

Consulia, i nuovi cf mettono il turbo agli afflussi

Il bilancio batte il piano industriale e la raccolta si arricchisce grazie ai nuovi ingressi ...