Azimut, utile sopra le attese

A
A
A

Il gruppo guidato da Sergio Albarelli ha pubblicato i dati semestrali. Ricavi e profitti in flessione ma sopra le stime degli analisti. Giuliani: “Porteremo il titolo a 50 euro”.

Andrea Telara di Andrea Telara26 luglio 2018 | 15:53

Ricavi consolidati per 376 milioni di euro, contro i 415 milioni del 2017. Un utile netto di 73 milioni, in calo dai 121 milioni dello stesso periodo dell’anno precedente, ma comunque sopra le attese degli analisti. Sono questi, in sintesi, i dati di bilancio diffusi oggi da Azimut Holding e relativi al primo semestre dell’anno. Il totale delle masse gestite a fine giugno dalla società ha raggiunto i 40,8 miliardi di euro; il dato che comprende il risparmio amministrato e gestito da case terze e direttamente collocato arriva a invece a  51,6 miliardi. La raccolta netta nei primi sei mesi dell’anno è stata pari a circa  2,4 miliardi, di cui una buona parte deriva dal business estero che oggi rappresenta il 25% del patrimonio complessivo del gruppo.

La posizione finanziaria netta consolidata a fine giugno è  negativa per circa 57 milioni di euro, in diminuzione rispetto ai  134,9 milioni di fine dicembre 2017. Nel semestre sono stati pagati dividendi ordinari per circa 131 milioni, è stata eseguita l’ultima tranche di buyback per circa 30 milioni e sono state fatte acquisizioni per 17 milioni. La posizione finanziaria netta  include anche versamenti attorno a  80 milioni per acconti d’imposta, bollo virtuale e riserve matematiche.

E’ continuata l’attività di reclutamento in Italia di consulenti finanziari e private banker: nel primo semestre del 2018 il gruppo e le sue divisioni hanno registrato 119 nuovi ingressi, portando il totale del gruppo Azimut a fine giugno a 1.719 unità. II consiglio di amministrazione di Azimut Holding, ha deliberato di procedere con una nuova tranche di acquisto di azioni proprie per un controvalore indicativo fino a 10 milioni di euro, e un corrispettivo massimo per azione pari a 30 euro. Questa nuova tranche si aggiunge alle altre tre già completate nel precedente programma per un controvalore complessivo di 100 milioni di euro.

Sergio Albarelli, ceo del gruppo ha dichiarato: “I risultati del secondo trimestre mostrano un’evoluzione positiva rispetto ai tre mesi precedenti nonostante il perdurare dell’incertezza e della volatilità sui mercati finanziari. A questi risultati hanno contribuito in modo rilevante le attività estere il cui sviluppo sarà sempre più una leva strategica per la crescita del gruppo.”

Pietro Giuliani, presidente di Azimut, ha invece commentato: “Lascio alla fantasia e/o alla malevolenza degli “operatori di mercato”, la spiegazione del perché il nostro utile netto è superiore del 50% di quello previsto dal consenso. La nostra priorità è produrre performance per i nostri clienti e per i nostri azionisti, non spiegare perché i nostri risultati siano molto maggiori di quelli che il mercato si aspettava. Per quanto riguarda alcune fantasiose ipotesi sul futuro di Azimut, commento solo reiterando il fatto che porteremo il valore del titolo a 50 euro anche senza contributi che potrebbero sembrare fatti “pro domo propria”. Ricordo che non più tardi di un mese fa 1.200 colleghi che lavorano in Azimut hanno investito in un’operazione di Lbo ulteriori 100 milioni di euro, affiancati da un fondo di private equity che ha investito ulteriori 60 milioni di euro circa, per un totale attorno 160 milioni di euro.”

 

Di seguito i risultati sul secondo trimestre dell’anno che attestano il miglioramento dei conti di cui ha parlato Albarelli:

  • Utile netto nel trimestre pari a € 46 milioni: superiore del 50% rispetto al consenso
  • Ricavi consolidati: € 193 milioni (€ 201 milioni nel 2Q 2017) Sergio Albarelli

 

 


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Azimut, il gestito torna a correre

Reclutamento, Coppia d’assi per Azimut CM

Operazioni non autorizzate, sospeso ex Azimut CM

L’allarme di Artoni sui Btp

La fee diventa più magra

Azimut, ingresso top in Toscana

Azimut: bene il trimestre, male i nove mesi

Azimut, l’estero spinge ancora la raccolta

Azimut punta sugli alternativi con Libera Impresa Sgr

Reti, raccolta in calo ma i titoli restano un affare

Consulenza a 4 teste: la rivoluzione di Azimut

Azimut, nuovo colpo in Australia

Giacomelli ricomincia da Azimut

Azimut, l’estero salva (ancora) la raccolta

Reclutamento, Azimut e Banca Generali al comando

I campioni dei dividendi delle reti

Un ex Azimut nel mirino di Consob

Azimut, Peninsula primo socio

Ecco i consulenti in gara di Azimut

Bluerating Awards 2018, ecco le dodici reti in gara

La grande festa sta per finire?

L’estero spinge la raccolta Azimut

Azimut, tre motivi per cui fa gola a Mediobanca

Mediobanca-Azimut, botta e risposta tra le righe

Azimut, raccolta a tutto gas

Azimut? Vale 50 euro

Azimut, Donatoni si prende il WM…e non solo

Azimut pigliatutto nei reclutamenti

Azimut, l’estero trascina la raccolta

Debutta Azimut Private Debt

Parte IMPact Sim, i tre supergestori ex di Azimut tornano in scena

Azimut, che colpi nel Nord Ovest

Il ruggito di Azimut nel reclutamento

Ti può anche interessare

Preiscrizione autonomi e scf, il punto della situazione

Qualche tempo fa Ocf aveva annunciato il probabile avvio della procedura di preiscrizione al nuovo A ...

Consulenza e formazione: analisi e progetti coerenti

Teseo studia interventi tailor made in funzione delle esigenze degli intermediari ...

Eurizon e Fideuram pronte a unire le sgr

Il Sole24Ore rilancia la notizia già anticipata da Bluerating su una possibile integrazione tra le ...