Salone del Risparmio 2019, in scena i big delle reti

A
A
A
di Andrea Telara 4 Aprile 2019 | 10:45
Si chiude oggi a Milano la manifestazione di Assogestioni dedicata al mondo della finanza e degli investimenti. I top manager di Banca Generali, Fideuram Ispb e Banca Mediolanum prevedono un ciclo di aggregazioni sul mercato.

Ultima giornata del Salone del Risparmio con un convegno a cui hanno partecipato alcuni top manager delle reti di consulenza finanziaria. Paolo Molesini (nella foto a destra), amministratore delegato e direttore Generale di Fideuram – Intesa Sanpaolo Private Banking, Gian Maria Mossa (nella foto a sinistra), amministratore delegato di Banca Generali, Gianluca Bosisio (nella foto in basso), direttore generale di  Banca Mediolanum sono intervenuti a una conferenza organizzata da Assogestioni dal titolo: “Il risparmiatore fai da te è un mito o una realtà? Reti e gestori si confrontano sul tema”. Con loro Lorenzo Alfieri, n. 1 italiano di J.P. Morgan Asset Management e Andrea Ghidoni, amministratore delegato di Pramerica Sgr. Intervistati da Andrea Cabrini, direttore di Class Cnbc, i manager hanno delineato gli scenari futuri della consulenza finanziaria in Italia. “Nel nostro paese c’è molta di liquidità depositata sui conti correnti che non viene investita anche per mancanza di una cultura finanziaria”, ha detto Bosisio, concordando con Mossa e Molesini su un punto: la figura del consulente finanziario resterà centrale anche nei prossimi anni, nonostante l’avvento delle nuove tecnologie e della robo advisory.  Ma la parte più interessante della tavola rotonda di oggi al Salone del Risparmio è stata quella in cui i big delle reti hanno affrontato il tema dei costi dei prodotti e degli assetti futuri del mercato. Tutti e  tre i manager hanno previsto un ciclo di aggregazioni tra i player della consulenza finanziaria, con fusioni e acquisizioni che, secondo Mossa, si verificherà soprattutto tra le società del  private banking e nel family office. “Il nostro settore sarà dominato in futuro da player più grandi rispetto a quelli che ci sono oggi”, ha detto in sostanza  Molesini, che ha previsto anche una pressione sui costi dei prodotti e dei servizi, per effetto della concorrenza e delle  nuove regolamentazioni come  Mifid 2.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banca Generali, raccolta al raddoppio ad aprile

Big delle reti, Gian Maria Mossa il più social

Banca Generali, i complimenti di Mossa al cf certificato

NEWSLETTER
Iscriviti
X