Azimut, in cerca di partner e sulla rotta giusta

A
A
A
Andrea Telara di Andrea Telara 10 Giugno 2019 | 17:21
Dopo l’investor day della scorsa settimana, gli analisti di Deutsche Bank esprimono apprezzamenti sulla società fondata da Pietro Giuliani e ne raccomandano l’acquisto del titolo con target price.

“Pensieri dall’investor day”. Si intitola così un report sul titolo Azimut redatto dagli analisti di Deutsche Bank che hanno espresso un giudizio buy (comprare) sulle azioni della società fondata da Pietro Giuliani (nella foto). Il target price (prezzo obiettivo) è pari a 19,5 euro, con un potenziale di rialzo di oltre il 30% rispetto alle quotazioni registrate nella prima settimana di giugno. Una parte del report di Db è dedicato alle attività del gruppo in Italia. Gli analisti ritengono che il 2018 sia stato un po’ debole per Azimut sul mercato domestico ma oggi la società è sulla rotta giusta per affrontare, con un nuovo modello di pricing, la crescita dei costi operativi che caratterizza il settore delle banche-reti.

“Le azioni che Azimut vuol mettere in atto vanno nella direzione corretta”, scrivono gli esperti di Deutsche Bank che , pur aspettandosi una pressione sui margini di profitto della società per via di Mifid 2, ritengono apprezzabili gli sforzi compiuti sul fronte del potenziamento tecnologico che faranno aumentare l’efficienza operativa. Senza dimenticare poi l’impegno del gruppo nel diversificare il patrimonio, che entro il 2020 sarà rappresentato al 15% da asset alternativi. Infine, un’ attenzione particolare nel report viene riservata alle iniziative di gruppo sulle partnership bancarie e assicurative.

“Azimut punta a 7.500 nuovi conti entro la fine del 2020, in partnership con una banca innovativa, pur mantenendo la piattaforma aperta e continuando a offrire i costi di altri istituti”, aggiungono gli analisti che aggiungono: “ la società continuerà anche a offrire ai propri clienti anche una piattaforma di trading in partnership con Banca IMI e a distribuire prodotti assicurativi di Zurigo”. L’alleanza con un istituto di credito, insomma, è una delle mosse che consentirà al gruppo di Pietro Giuliani di muoversi sulla rotta giusta e aggiungere nuovi tasselli alla propria offerta.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Azimut, tanti ex di Euromobiliare (e non solo) per la rete

Azimut, la raccolta di marzo ciliegina di un trimestre col turbo

Azimut, l’asset management cresce tra Medio Oriente, Nord Africa e Turchia

NEWSLETTER
Iscriviti
X