Azimut, in cerca di partner e sulla rotta giusta

A
A
A

Dopo l’investor day della scorsa settimana, gli analisti di Deutsche Bank esprimono apprezzamenti sulla società fondata da Pietro Giuliani e ne raccomandano l’acquisto del titolo con target price.

Andrea Telara di Andrea Telara10 giugno 2019 | 17:21

“Pensieri dall’investor day”. Si intitola così un report sul titolo Azimut redatto dagli analisti di Deutsche Bank che hanno espresso un giudizio buy (comprare) sulle azioni della società fondata da Pietro Giuliani (nella foto). Il target price (prezzo obiettivo) è pari a 19,5 euro, con un potenziale di rialzo di oltre il 30% rispetto alle quotazioni registrate nella prima settimana di giugno. Una parte del report di Db è dedicato alle attività del gruppo in Italia. Gli analisti ritengono che il 2018 sia stato un po’ debole per Azimut sul mercato domestico ma oggi la società è sulla rotta giusta per affrontare, con un nuovo modello di pricing, la crescita dei costi operativi che caratterizza il settore delle banche-reti.

“Le azioni che Azimut vuol mettere in atto vanno nella direzione corretta”, scrivono gli esperti di Deutsche Bank che , pur aspettandosi una pressione sui margini di profitto della società per via di Mifid 2, ritengono apprezzabili gli sforzi compiuti sul fronte del potenziamento tecnologico che faranno aumentare l’efficienza operativa. Senza dimenticare poi l’impegno del gruppo nel diversificare il patrimonio, che entro il 2020 sarà rappresentato al 15% da asset alternativi. Infine, un’ attenzione particolare nel report viene riservata alle iniziative di gruppo sulle partnership bancarie e assicurative.

“Azimut punta a 7.500 nuovi conti entro la fine del 2020, in partnership con una banca innovativa, pur mantenendo la piattaforma aperta e continuando a offrire i costi di altri istituti”, aggiungono gli analisti che aggiungono: “ la società continuerà anche a offrire ai propri clienti anche una piattaforma di trading in partnership con Banca IMI e a distribuire prodotti assicurativi di Zurigo”. L’alleanza con un istituto di credito, insomma, è una delle mosse che consentirà al gruppo di Pietro Giuliani di muoversi sulla rotta giusta e aggiungere nuovi tasselli alla propria offerta.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Azimut, Fitch rivede al ribasso il rating

Azimut, raccolta positiva e cambio in vista per le fee

Reti Champions League: quarti da urlo, ecco chi passa alle semifinali

Azimut, maxi prestito da 500 milioni di euro

Azimut, sua maestà il dividend yield

Azimut, una newco americana per gli alternativi

Azimut, 30 candeline alla faccia dei gufi

Banca Generali mette il turbo sulla consulenza evoluta

Azimut, 7 miliardi di motivi per essere sostenibili

Anasf, due nuovi appuntamenti sul territorio

Azimut, la raccolta 4.0

Azimut, un utile straripante

Azimut, rendimenti a doppia cifra con le Pmi

Azimut, i nuovi piani dopo Ali Expo

Azimut: un ingresso, quattro mosse e un grande obiettivo

Azimut, partnership con Illimity per i consulenti

Azimut, Martini presenta Ali Expo

Azimut, manca poco ad Ali Expo

Fusione CheBanca!-Mediolanum? Le ipotesi degli analisti

Consulenti, un libro per investire nell’economia reale

Consulenza e illiquidi, tra rivoluzione e rischi

Azimut, raccolta sprint a settembre

Consulenza, il futuro secondo Giuliani (Azimut) e Marconi (Chebanca!)

Rendiconti Mifid 2: voti e pagelle, rete per rete

Azimut, anatomia di una rivoluzione che potrebbe cambiare il mercato

Intesa e Azimut, i veri big del dividendo

Banche e reti, i tre tori che fanno gola a Piazza Affari

Azimut, scommessa americana

Azimut, la rivincita degli ex

Azimut, la volatilità rallenta la raccolta di agosto

Reti, le montagne russe ad agosto

Cade il governo, le reti gongolano in Borsa

Borse, la crisi di governo affossa le reti

Ti può anche interessare

Reti, patrimonio in crescita 

Un patrimonio totale di  571,4 miliardi di euro. E’ quello gestito a fine marzo dalle reti di co ...

Widiba, una storia aperta

“Dai dati alle parole, ogni cambiamento racconta una storia. In questa storia, abbiamo raccolt ...

Mediolanum: su Fininvest la spada di Damocle della UE

L’alto tribunale dell’Unione Europea ha infatti dichiarato di essere l’unica autorità compete ...