Mediobanca, Doris si schiera con Nagel

A
A
A
Marcello Astorri di Marcello Astorri19 settembre 2019 | 11:25

“In questi anni l’amministratore delegato ha ottenuto ottimi risultati”, parola di Ennio Doris, presidente di Banca Mediolanum che ha detto la sua sui movimenti in corso nell’azionariato di Mediobanca. Il blitz della Dolfin di Leonardo Del Vecchio ha colto di sorpresa gli azionisti storici di Piazzetta Cuccia. Secondo Milano Finanza, il regista dell’operazione sarebbe stato Francesco Milleri, manager di fiducia del fondatore di Luxottica. E potrebbe preludere a un cambio nel top management di Piazzetta Cuccia, qualora si cementasse un asse con Unicredit, primo socio con l’8,8% del capitale e in ottimi rapporti con Del Vecchio, specialmente dopo la vicenda Ieo-Monzino che ha visto tra l’altro Mediobanca schierata dalla parte opposta.

Un primo momento di confronto ci sarà mercoledì 25 settembre, quando si riuniranno i membri del patto di consultazione. Ancora non si conoscono le intenzioni di Unicredit. Ma c’è appunto un membro di peso, Ennio Doris, che proprio ieri si è speso per elogiare l’operato di Alberto Nagel, a cui riconosce il merito di essere riuscito a “superare la crisi finanziaria” e di essere stato in grado “di diversificare le fonti di ricavo del gruppo”. Doris, attraverso Mediolanum, è socio con il 3,3% del capitale. Inoltre, lo stesso Doris detiene delle partecipazioni personali nella merchant bank di Piazzetta Cuccia attraverso la cassaforte di famiglia, Finprog Italia. La posizione attuale è frutto di acquisti progressivi (leggi qui la notizia) ed è pari allo 0,4% del capitale e pesa per il 2,04% nell’accordo di consultazione. Ora, i vari attori in campo presumibilmente muoveranno le proprie pedine, in vista della resa dei conti della prossima assemblea del 28 ottobre.

 


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banche e reti, per Ubs c’è chi è buy e chi no

Banca Mediolanum, la raccolta sfonda quota 3 miliardi

Banca Mediolanum, sospeso il consulente Ajmone Cat

Ennio Doris scala la piramide dei miliardari

Mediolanum, gran reclutamento a ottobre

Banca Mediolanum: Doris compra un altro pezzo di Mediobanca

Banca Mediolanum, i Doris si rafforzano

Banca Mediolanum, il wealth management ha un nuovo timoniere

I Doris fanno pulizia

Mediolanum e la settima arte

Mediolanum, Doris paladino contro il caro tasse

Doris stoppa Del Vecchio

Banche e reti, i tre tori che fanno gola a Piazza Affari

Consulenti, lutto nella rete di Banca Mediolanum

Mediolanum, preparatevi al super dividendo

Reti, le montagne russe ad agosto

Borse, la crisi di governo affossa le reti

Banca Mediolanum, la family (banker) si allarga

Banca Mediolanum, archiviata l’indagine su Berlusconi

Mediolanum, Doris è pronto a conquistare un’altra rete

Doris punta ancora su Mediobanca

Banca Mediolanum, profitti con il turbo

Mediolanum, mazzata su Fininvest

Fineco e Banca Mediolanum, è arrivato il dividend day

Banca Mediolanum supera il miliardo

Bond, un super gestore per Mediolanum

Banca Mediolanum punta sull’Elite

Reti, chi domina il mercato

Banca Mediolanum, crolla l’utile ma la cedola tiene

Consulenti, ecco gli incentivi delle reti

Banca Mediolanum, fine anno (quasi) miliardario

Mediolanum: su Fininvest la spada di Damocle della UE

Novembre sorride a Banca Mediolanum

Ti può anche interessare

Consultinvest: timori a stelle e strisce

A cura di Gabriele Montalbetti – Ufficio Studi Consultinvest SGR. Il primo trimestre 2019 si confe ...

Sistema bancario italiano, maneggiare con cautela

“La crisi finanziaria, nata in America più di dieci anni fa e poi propagatasi in Europa, ha dimez ...

Il risparmio violato

A cura di Luciano Liccardo, Segretario Generale EFPA Italia Y = C + S. Reminiscenza dei primi rudim ...