Banche, i nuovi stress test all’ombra del Coronavirus

A
A
A
di Redazione 6 Marzo 2020 | 10:40

In piena burrasca da Coronavirus, le banche italiane si avvicinano al primo grande scoglio del 2020: gli stress test. Come spiega Il Sole 24 Ore, entro lunedì 9 marzo le aziende di credito dovranno infatti inviare a Bce ed Eba le prime elaborazioni dei dati relativi ai bilanci al 31 dicembre 2019. Questi sono la base di partenza su cui vengono basati gli scenari degli stress test: uno di base e uno avverso. Nella peggiore delle ipotesi, l’Eba aveva previsto per l’Italia una contrazione del pil dell’1,2%. Una stima che però era stata elaborata nel 2019, ben prima che l’emergenza Coronavirus dilagasse.

Il 9 marzo, comunque, sarà solo la prima di tre tappe fissate al 31 marzo, 12 maggio e 19 giugno. In occasione dei quali Bce ed Eba effettueranno le verifiche dei risultati inviati nel frattempo dalla banche. La data finale dei test è invece prevista per il 31 luglio con i risultati. Saranno coinvolte tutte le principali banche italiane, a partire da Unicredit, Intesa Sanpaolo, BancoBpm e Ubi che dovranno pubblicare i propri dati al mercato. Mentre per le altre, tra cui Mediobanca, Bper, Credem, Popolare di Sondrio, Iccrea, Ccb, i risultati saranno confidenziali, marientreranno nelle decisioni srep di secondo pilastro della Bce.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X