Unicredit-Mps, c’è la deadline a fine anno

A
A
A
di Redazione 2 Novembre 2020 | 10:51

Le nozze tra Mps e Unicredit sembrano essere sempre più vicine. Secondo quanto risulta a Il Sole 24 Ore, il piano all’attenzione del Tesoro, primo azionista di Siena, nell’ambito della ristrutturazione e ricapitalizzazione della banca prevede l’integrazione con UniCredit. In particolare, si tratterebbe di una ricapitalizzazione da 2-2,5 miliardi di euro a carico dello Stato, al fine di appostare in modo adeguato i possibili rischi legali e far fronte anche ai costi di un’integrazione che comporterebbe l’uscita circa 6 mila dipendenti.

In effetti il dossier Mps è da diverso tempo sul tavolo di Mustier, che sembra non aver abbandonato il piano per lo scorporo tra le attività domestiche e quelle euroepee: in questo disegno, il Monte potrà essere integrato con la parte italiana, mentre le altre attività del gruppo guidato da Jean Pierre Mustier potranno essere il cardine di un’altra operazione straordinaria a livello europeo, con Commerzbank.

Attualmente Unicredit non ha ancora dato il via libera al piano, anche diversi sono i rumors che ribadiscono che qualcosa all’orizzonte prossimo del credito c’è e riguarda proprio le due banche in questione. con l‘obiettivo di chiudere entro fine anno.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banche, Mps: il peso degli sportelli

Banche: il risiko sostiene il settore a Piazza Affari

Unicredit-Mps, il Tesoro allunga le trattative

NEWSLETTER
Iscriviti
X