Bim-Banca Consulia, salta il deal

A
A
A
di Andrea Giacobino 26 Marzo 2021 | 20:49
Naufraga l’acquisto, da parte della private bank guidata da Moro, di quella guidata da Marangi. E anche la vendita di Banca Profilo segna il passo.

Quarto possibile matrimonio fallito per Banca Consulia, guidata da Antonio Marangi. Dopo le possibili aggregazioni studiate prima con Banca Ifigest, poi con Banco Desio e successivamente con Banca Aletti, tutte naufragate nei mesi scorsi, è saltata anche quella vagliata con Banca Intermobiliare (Bim) guidata da Claudio Moro (nella foto) e controllata dal fondo Attestor. Stasera, infatti, Bim ha comunicato “l’interruzione delle trattative finalizzate all’acquisizione di una quota di controllo di Banca Consulia”. “Dopo oltre tre mesi di trattative Banca Intermobiliare – prosegue la nota – è giunta alla conclusione che, al momento, non sussistano i presupposti e le condizioni per proseguire nella prospettata acquisizione, secondo una logica di creazione di valore a beneficio di tutti gli stakeholder”.

“Al fine di perseguire tale obiettivo – conclude la nota – Banca Intermobiliare continuerà a valutare possibili acquisizioni e/o integrazioni che, in termini di creazione di valore, potranno essere funzionali al conseguimento degli obiettivi previsti, in termini di competenze, know-how specialistici ed economie di scala e di scopo”. Resta il fatto che Bim non ha chiuso il deal, Banca Consulia si ritrova ancora orfana e Banca d’Italia ha un bel problema da risolvere: il tutto mentre anche la vendita di Banca Profilo segna il passo.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Bim-Consulia, la rivincita di D’Aguì

Banca Consulia e Anthilia, nuova partnership per il gestito

Banca Consulia lancia la gestione dal sapore di Hedge Fund

NEWSLETTER
Iscriviti
X