Promotori Finanziari – Inizia la risalita di Giuliani?

A
A
A
di Redazione 5 Gennaio 2009 | 15:00
In attesa della conferenza stampa che si terrà il 13 gennaio, dove verranno presentati i progetti del gruppo per il 2009, Azimut continua la sua risalita in Borsa, senza essere penalizzata dal fantasma “Madoff”.

La società guidata da Pietro Giuliani (nella foto) ha inaugurato l’inizio dell’anno con due sedute particolarmente positive. Alle 16 di oggi, per esempio, la performance di Azimut Holding è di circa il 2,5%, a 4,06 euro, mentre nell’ultimo mese il progresso è addirittura a due cifre: +18%.

Dati particolarmente significativi, e in controtendenza rispetto agli ultimi mesi, visto che la performance a un anno del titolo segnava addirittura un rosso di circa il 50%. E in pratica il prezzo per azione era tornato, dopo mesi di crescita impetuosa seguiti al collocamento, a 4 euro, il valore fissato al momento dello sbarco a Piazza Affari il 7 luglio del 2004.
 
In ogni caso, nelle ultime settimane il titolo della società milanese, che fino al 31 dicembre del 2007 poteva vantare dati di raccolta ininterrottamente positivi dall’ottobre 2002, ha incassato il giudizio positivo di [s]Banca Imi[/s] che ha consigliato di mantenere l’azione in portafoglio con target price a 3,88 euro e ha visto l’ingresso nel capitale sociale, con il 2,015%, di Insight Investment Management, società di gestione del risparmio del gruppo HBOS, uno dei maggiori gruppi di servizi finanziari inglesi che vanta asset in gestione per oltre 140 miliardi di euro.

Inoltre il 23 dicembre Consob ha comunicato che la partecipazione di [s]Allianz[/s] in Azimut è variata leggermente dal 2,387% al 2,349% e il titolo dopo aver toccato in apertura un minimo a 3,81 euro circa, è volato ben al di sopra del target indicato dagli analisti, portandosi a 4,95 euro, con un progresso di oltre 5 punti percentuali.

Infine il titolo della società guidata da Giuliani ha beneficiato del fatto di non avere alcuna esposizione nei confronti di Madoff.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti, ecco le banche-reti più “cattive”

Allianz GI nel mirino della BaFin

Asset allocation: due interrogativi in vista dell’autunno

NEWSLETTER
Iscriviti
X