Commerzbank contagia Generali

A
A
A
di Redazione 12 Gennaio 2009 | 09:50
Lo Stato tedesco nazionalizza Commerzbank, Berlino diventerà primo azionista con una quota del 25%. Per Generali, che controlla l’8% del gruppo tedesco, la situazione si complica dopo le bocciature da parte di Intermote ed Equita Sim.

La notizia che Commerzbank, la seconda banca tedesca, sarà nazionalizzata dallo Stato ha contagiato Piazza Affari e affossato il settore finanziario. Berlino finanzierà un aumento di capitale per 10 miliardi e diventerà il primo azionista di Commerzbank con una quota del 25%.

Il contagio si è subito sviluppato nelle altre piazze finanziarie: Generali che controlla l’8% del gruppo tedesco, quota destinata a scendere del 5,5% per effetto della fusione tra Commerzbank e Dresdner e l’ingresso dello Stato, venerdì ha ceduto il 3,5%. “Il crollo del titolo in Borsa potrebbe comportare per Generali svalutazioni pari a 100 milioni”, stima un analista.

Commerzbank vende polizze targate Generali tramite la propria rete di distribuzione. L’accordo assicura a Generali il 4-5% della produzione Vita in Germania ma è destinato a non essere rinnovata il prossimo dicembre 2010 quando subentrerà [s]Allianz[/s] al suo posto.
 

A complicare la situazione per Generali ci hanno pensato due primari broker italiani: [s]Intermote[/s] ed [s]Equita Sim[/s] che hanno ridotto le stime sugli utili e sul dividendo. Secondo gli analisti di Intermote “i risultati del quarto trimestre soffriranno per l’effetto delle svalutazioni mentre i primi sei mesi del 2009 si presenteranno ancora difficili”. Per Equita la diminuzione di valore di Telco (holding che controlla Telecom Italia), peserà per 350 milioni di euro sull’utile del gruppo. Inoltre il broker si aspetta che quest’anno Generali distribuirà un dividendo di 0,45 euro, la metà di quello pagato nel 2007.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banche, Commerzbank taglia oltre 4 mila posti

La nuova UniCredit dopo Fineco

Dossier Commerzbank, saluta anche Ing

NEWSLETTER
Iscriviti
X