Etf – Le small cap europee

A
A
A
Avatar di Fabio Coco 14 Luglio 2009 | 09:20
Il PowerShares FTSE RAFI Developed Europe Mid-Small Fund investe sui titoli azionari delle più importanti società a medio-piccola capitalizzazione di mercato. Rispetto al trend del 2008 o del mese di marzo 2009, l’etf mostra quotazioni in ripresa, piccolo segnale di un recupero dei mercati azionari e delle small cap in generale.

Il PowerShares FTSE RAFI Developed Europe Mid-Small Fund (IE00B23D8Y98), lanciato da Invesco PowerShares il 3 dicembre 2007, ha l’obiettivo di replicare la performance dei titoli azionari europei small cap, compresi nel sottostante FTSE RAFI Developed Europe Mid-Small. I quattro indicatori utilizzati per selezionare le società comprese nell’indice di riferimento sono: patrimonio netto, flusso di cassa, vendite e dividendi. I titoli azionari con i fondamentali più solidi vengono ponderati in base al punteggio calcolato su tali valori. Il portafoglio viene ribilanciato e ricostituito su base annuale. Il valore delle azioni può aumentare o diminuire, pertanto gli investitori potrebbero non essere in grado di recuperare l’importo iniziale. Attualmente, l’indice ricomprende 607 titoli al suo interno.

A fine aprile, questo etf ha avuto asset in gestione per 1,74 milioni di euro. Il 9 luglio questo fondo ha guadagnato lo 0,41% rispetto alla precedente giornata di borsa, quotando a 5,792 euro, contro i 5,768 dell’8 luglio. Rispetto al benchmark di Bluerating, l’indice MSCI Europe Small Mid, al 9 luglio questo etf mostra un tracking error volatility pari al 6,20%.

Al 9 luglio, su mille euro investiti un anno addietro, l’etf ne corrisponde attualmente 731,3, in rialzo dal ribasso del 9 marzo, in cui ne rimborsava 530,5. Nel 2008, il PowerShares FTSE RAFI Developed Europe Mid-Small Fund ha avuto un rendimento a 12 mesi negativo, pari al -50,36%. Da inizio anno, tuttavia, l’etf è in netta ripresa, guadagnando al 9 luglio il 17,83% (year to date). Infine, il beta dello strumento è superiore all’unità, pari ad 1,14.

L’etf presenta un total expense ratio (TER) annuo pari allo 0,50%. Il trend negativo seguito dall’etf nel 2008 ed a marzo 2009 è spiegabile con il generale contesto di crisi che ha caratterizzato i mercati finanziari ed azionari in particolare. Di conseguenza, anche le società a medio-piccola capitalizzazione hanno risentito negativamente del contesto economico.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Tabula, al via l’Etf che guarda agli accordi sul clima di Parigi

Etf, la pandemia non scalfisce la raccolta

Invesco, l’Etf degli Angeli Caduti è su Borsa Italiana

NEWSLETTER
Iscriviti
X