SGR Bluerating agosto ’09 – Ancora in testa MFS Meridian e JP Morgan. La novità è Vitruvius

A
A
A
di Samuele Camellini 13 Agosto 2009 | 14:10
E’ lotta aperta tra MFS e Templeton tra le large. JP Morgan stacca tutti i competitor tra le Medium. La sorpresa è Vitruvius che scavalca First State.

SGR Bluerating Large
MFS MERIDIAN FUNDS SICAV mantiene la leadership aumentando il proprio punteggio da 3,24 del mese scorso a 3,31 e nonostante FRANKLIN TEMPLETON INVESTMENT FUNDS SICAV faccia altrettanto portandosi a quota 3,29. Ci aspettiamo una lotta serrata anche il prossimo mese.
Merito di questi risultati sono da riconoscere ai 14 comparti a cinque corone della società di Boston e addirittura ai 32 fondi della società di San Mateo in California. MFS riesce a star davanti perché Franklin ha 16 comparti a minimo rating e 39 a 2 corone.
Alle loro spalle, leggermente distanziata, troviamo MORGAN STANLEY INVESTMENT FUNDS SICAV che sale da 3,18 a 3,21, mentre segnaliamo la caduta di SCHRODER INTERNATIONAL SELECTION FUND SICAV, terza nello scorso rilevamento a 3,19 e di colpo scivolata in sesta posizione a 3,08.
In coda al gruppo SGAM FUND SICAV sale a 2,58 da 2,50 e raggiunge NORDEA 1 SICAV che scende da 2,64, lasciandosi sopravanzare da GOLDMAN SACHS FUNDS SICAV.

SGR Bluerating Medium
Non c’è gara questo mese tra le società di medie dimensioni. JP MORGAN INVESTMENT FUNDS SICAV cede quattro punti decimali passando a 3,45, ma le inseguitrici fanno peggio. In particolare THREADNEEDLE INVESTMENT FUNDS ICVC, seconda lo scorso mese, si fa risucchiare dal gruppo ritrovandosi a condividere la terza piazza con PICTET FUNDS (LUX) SICAV con 3,22 e lasciandosi superare da WORLD EXPRESS FUNDS I SICAV ed EURIZON CAPITAL SGR S.p.A. a 3,23. Interessante la battaglia per il secondo posto, mentre al momento avvicinare JP Morgan pare un’impresa assai difficile.
Leggermente distanziata troviamo BNY MELLON GLOBAL FUNDS PLC SICAV a 3,13, in discesa rispetto al 3,16 della scorsa rilevazione. A quota 3 troviamo EURIZON CAPITAL S.A., in crescita di 7 punti decimale, mentre tutte le altre società si posizionano sotto la media.

SGR Bluerating Small
La novità più interessante è il passaggio in prima posizione di VITRUVIUS SICAV a quota 4,20. Questa compagnia conferma il dato del riscontro precedente e ciò basta per balzare in vetta. E’ infatti FIRST STATE INVESTMENTS ICVC a cedere 3 punti decimali e a finire a quota 4,19, lasciando perciò il gradino più alto del podio alla propria concorrente diretta.
In terza posizione troviamo ancora CARMIGNAC GESTION S.A. che però perde sette punti e si ferma a 4,07.
Decisamente lontane tutte le altre società. Il gruppone è guidato da MUZINICH & CO. LTD a 3,79 seguita di un solo punto decimale da THREADNEEDLE SPECIALIST INVESTMENT FUNDS ICVC.
Come abbiamo evidenziato, nella categoria delle Small ci sono le uniche compagnie con un punteggio superiore a 4, ma per converso troviamo anche società con valori inferiori a 2, quindi con un grado di efficienza dei propri prodotti decisamente scadente. Si tratta di LEGG MASON GLOBAL FUNDS ICVC a 1,64, WORLD EXPRESS FUNDS II SICAV a 1,67, GLG INVESTMENTS PLC a 1,74 e AXA ROSENBERG MANAGEMENT IRELAND LTD a 1,97.
 
Commento
è una classificazione distorta. 
Queste classifiche funzionano solo per le società con molti fondi che quindi hanno più probabilità di finire nei primi posti nelle migliaia di sottocategorie, mentre quelle “piccole” con solo pochi fondi non saranno mai evidenziate.

Risposta
Gentile Utente,
il sistema di valutazione delle società di gestione denominato SGR Bluerating, tiene conto delle dimensioni delle società ed infatti è suddiviso su tre livelli:
-          SGR Large, cioè le società che hanno oltre 100 comparti;

-          SGR Medium: per le società con almeno 50 comparti;

-          SGR Small: per le società con almeno 10 comparti.

Proprio perché teniamo conto delle possibili distorsioni, abbiamo distinto le tre tipologie di società. Noterà nell’allegato in pdf all’articolo che sono proprio certe società small (Vitruvius, First State, Carmignac) ad avere i punteggi più elevati in assoluto. Tenere queste società separate dalle altre evita la distorsione di considerarle migliori per definizione, pur avendo una numerosità di prodotti decisamente inferiori alle Big Company le quali, avendo in elevato numero di comparti emessi, sono più soggette ad avvicinarsi a valori medi. In ogni caso, l’eventuale distorsione alla quale accennava è “al contrario” rispetto alle Sue supposizioni. A disposizione per ulteriori approfondimenti e grazie per essersi interessato ad un nostro commento.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, assicurazioni europee: ecco le top picks di JP Morgan

Investimenti, obbligazioni Usa fuori rotta

Consulenti, aperte le iscrizioni al concorso per le borse di studio J.P. Morgan AM/Anasf

NEWSLETTER
Iscriviti
X