Risparmio gestito – Il mercato è stabile, la politica no

A
A
A
di Matteo Chiamenti 15 Dicembre 2010 | 10:45
Ecco un estratto della nota di strategia di Pictet Funds di Dicembre 2010, la firma di entrambi gli autori: Andrea Delitala, Head of Investment Advisory e Marco Piersimoni Investment Advisory di Pictet Funds.

I mercati sono stati volatili a causa della richiesta tedesca di far partecipare il settore privato ad eventuali ristrutturazioni del debito di Paesi EMU, dopo la decadenza del piano varato il maggio scorso (l’EFSF) nel 2013. L’approvazione del pacchetto di aiuti da €85 mld all’Irlanda non ha impedito che i differenziali tra rendimenti delle obbligazioni periferiche e della Germania toccassero nuovi massimi a fine novembre a causa sia della confusione in merito all’architettura finale dei meccanismi di assistenza che per timore dell’insostenibilità (anche politica) del risanamento accelerato imposto gli assititi.   I mercati si sono un po’ stabilizzati grazie agli acquisti della BCE che ha deciso di rinviare l’exit strategy sulle modalità di finanziamento al sistema. Riteniamo il nodo più politico che tecnico: non sarà il mercato a decretare le sorti di un progetto importante come l’EMU, ma l’unico modo per sottrarlo al voto di sfiducia degli investitori è quello di progredire nell’integrazione delle politiche fiscali.

E’ probabile che per questo la Germania ottenga dai partners bisognosi della sua garanzia un maggiore rispetto del rigore sulle politiche di bilancio da sancire con la revisione in corso del Patto di Stabilità. La Fed, molto proattiva, compra Treasuries per $600 mld per prevenire la deflazione mentre la BCE ingaggia acquisti di titoli di Stato EMU solo perché il mercato raggiunge spread inusitati (ma sterilizza la liquidità creata). Le due principali Banche Centrali fanno cose simili, ma logica e pratica sono opposte: operano con mandati diversi ma anche su due scenari incongruenti. Riteniamo che la BCE in particolare debba assumere un ruolo ben più attivo, a meno che l’economia non sorprenda per vitalità e allora sarà la Fed a fermarsi prima. Le notizie macroeconomiche sono migliorate, completando l’inversione nel trend segnalato il mese scorso.

L’attività industriale, dopo il rallentamento del terzo trimestre, ha ripreso smalto e gli indicatori anticipatori confermano la ri-accelerazione: l’indice ISM americano è in territorio di netta espansione (56,6), l’indice IFO tedesco è ai massimi da 20 anni (109,3). Tutto questo resta vero anche in Cina, nonostante la volontà di rallentare: l’indice PMI manifatturiero è salito a quota 55,2. Dal lato della domanda privata, si conferma la forza tedesca (vendite al dettaglio +2,3% m/m), sostenuta anche dall’ottima dinamica del mercato del lavoro che vede la disoccupazione ai minimi degli ultimi 17 anni (7,5%). Negli USA, alcuni indicatori di fiducia dei consumatori sono tornati a salire dopo le discese dei mesi centrali dell’anno. Nel mese di novembre è stata invece meno forte delle attese la creazione occupazionale, con soli 50,000 nuovi posti di lavoro. Questa debolezza è alla base della decisione di rinnovare i tagli fiscali dell’era Bush, per un pacchetto complessivo superiore a $200 mld. Nel complesso, il quadro macroeconomico è costruttivo per il 2011.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X