Carmignac: per i mercati inizia un cammino difficile

A
A
A

La crescita è in aumento in tutto il mondo da circa un anno, anche se nello stesso periodo i mercati hanno dovuto fronteggiare picchi di volatilità a breve termine, riconducibili in gran parte al rischio politico.

Chiara Merico di Chiara Merico18 maggio 2017 | 10:18

RIPRESA IN CORSO – La ripresa economica globale è in corso. La crescita è in aumento in tutto il mondo da circa un anno, anche se nello stesso periodo i mercati hanno dovuto fronteggiare picchi di volatilità a breve termine, riconducibili in gran parte al rischio politico, spiega Didier Saint-Georges, managing director e membro del comitato investimenti di Carmignac. La vittoria di Macron, che ha condotto una campagna pro-europea, nelle elezioni presidenziali francesi dovrebbe ora ridurre drasticamente il rischio politico nel continente, permettendo agli investitori di concentrarsi sui propri fondamentali economici. Mentre il rischio politico si disperde, tutti gli occhi sono ora puntati sulle banche centrali e su quello che faranno per guidare le rispettive economie attraverso i diversi cicli della ripresa. La deflazione non è più la minaccia peggiore per l’economia globale. È invece probabile che l’inflazione diventi protagonista e tenga in scacco i policymaker nel prossimo futuro. I dati recenti sull’indice dei prezzi al consumo (CPI), deboli sia in Europa che negli Stati Uniti, hanno spinto le banche centrali, desiderose di proteggere il fragile recupero in corso, ad adottare un atteggiamento prudente per il momento. L’attuale combinazione dell’accelerazione della crescita economica e delle politiche prevalentemente moderate da parte delle banche centrali costituisce un contesto favorevole per le borse europee. Questo è particolarmente vero dal momento che l’Europa ha tardato a saltare sul carro della ripresa rispetto ad altre regioni. In Europa abbiamo assistito al ritorno della crescita solo nella seconda metà del 2016 e, nel caso della Francia, solo nell’ultimo trimestre dell’anno 2016.

SERVE CAUTELA – La cautela tuttavia è ancora necessaria, ricorda Saint-Georges. Permangono difficoltà strutturali in alcune delle principali economie europee, come l’Italia e la Francia, che hanno ancora importanti problemi di competitività. Sarà quindi fondamentale comprendere se i governi saranno in grado di affrontare questioni strutturali, al di là di quanto accade nel ciclo economico. La Francia è ora ben posizionata. Resta da vedere se l’Italia seguirà lo stesso percorso. I mercati emergenti, che sono economie basate sulle esportazioni, sono nella posizione migliore per continuare a beneficiare della ripresa dell’economia globale. Anche il miglioramento dei loro fondamentali economici contribuisce a rendere i mercati emergenti una destinazione d’investimento appetibile. Inoltre l’andamento degli utili aziendali è stato storicamente in linea con il commercio internazionale, quindi è ragionevole prevedere una crescita degli utili siccome il commercio internazionale continua ad espandersi. È importante essere consapevoli del fatto che i settori performano diversamente durante un ciclo di crescita. Per esempio, il settore dei beni di consumo tende a sottoperformare in tempi di crescita economica sostenuta a causa delle sue caratteristiche difensive. Bisogna infine distinguere tra le diverse zone geografiche. In Giappone e in Europa, dove la crescita è arrivata con un certo ritardo rispetto agli Stati Uniti, l’economia mostra un maggiore potenziale di crescita. In particolare riteniamo che in Europa l’esposizione ai finanziari europei sia il modo migliore per beneficiare della crescita domestica europea.

 

 

 

 


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Carmignac Portfolio, soft closing per il comparto Long-Short European Equities

Carmignac risponde sul caso del fisco francese

Carmignac sotto indagine in Francia

Carmignac lancia Portfolio Patrimoine Europe

Carmignac, Gallardo nuovo chief economist

Older diventa gestore di Carmignac Investissement

Carmignac: l’Italia torna nell’occhio del ciclone

Carmignac: it’s the liquidity, stupid!

Quando l’equity sgomma

Carmignac: Donald non è Achille

Carmignac, Ventura nominato global head of sales

Carmignac: la festa sui mercati sta per finire?

ITForum Milano / Carmignac: momento unico di confronto

Carmignac, a Roma e Milano è giunta l’ora degli Investment Seminar

Carmignac a Roma e Milano per parlare di scelte d’investimento

Crowl (Carmignac): “Giustificata l’euforia sui mercati”

Carmignac: dove trovare valore nel mercato obbligazionario

Carmignac: azionario, continua la crescita moderata

Carmignac: sui mercati regna un ottimismo razionale

Carmignac: i tecnologici sono ancora interessanti

Carmignac: niente rischi di bolla nel settore tech

Carmignac: quanto pesa il populismo

Classifiche Bluerating: Carmignac in testa tra i fondi Obbligazionari Area Euro – Governativi (1-3 Anni)

Crowl (Carmignac): “Puntiamo sulla gestione flessibile e attiva”

Carmignac: 2017, attenti a quello che desiderate

Carmignac: attenti a Donald Trump, è un rigoroso neo mercantilista

Carmignac: Trumponomics e protezionismo, le chiavi del 2017

Doppia nomina per Carmignac

Carmignac: il 12 ottobre la web conference sulle sfide di mercato

Fondi, Carmignac costa troppo rispetto ai rendimenti

Carmignac, Denham a capo del team azionario europeo

Carmignac: cosa significa gestire il rischio

Carmignac: sviluppi positivi in Brasile

Ti può anche interessare

BNY Mellon Investment Management lancia il Global Infrastructure Income Fund

Entra così nella gamma BNY Mellon Global Funds, plc il secondo fondo azionario tematico dopo il nuo ...

Asset allocation, Einstein (e Leonardo) in spiaggia

Il successo dei grandi pensatori non convenzionali della storia ci ricorda che il mondo non sempre f ...

MFS: asset allocation per la crescita del capitale

Il debito globale ha raggiunto livelli mai visti prima ed è nettamente più elevato rispetto al 200 ...