Bantleon registra un altro fondo per il mercato retail italiano

A
A
A
Gianluca Baldini di Gianluca Baldini 4 Dicembre 2014 | 10:12
Il gruppo fondato da Jörg Bantleon ad Hannover nel 1991 ha registrato in Italia il terzo fondo sul segmento retail. I primi due erano stati registrati circa due anni fa.

UN FONDO IN CUI CREDE LO STESSO MANAGEMENT – Il fondo Family&Friends della tedesca Bantleon è da poco arrivato in Italia sul segmento retail. Lo ha comunicato a BLUERATING il ceo del gruppo, Stephan Kuhnke (nella foto). “Abbiamo una storia di 20 anni, le nostre radici provengono dal mondo dei bond ad alta qualità e dei covered bond”, spiega Kuhnke. “In Svizzera siamo una banca ma solo per mantenere alti gli standard di qualità, noi siamo e rimarremo un asset manager. Fino al 2009 abbiamo lavorato solo con il segmento istituzionale. Da quel momento in poi abbiamo inziziato a puntare anche sul retail”. Come ha spiegato lo stesso numero uno del gruppo, Bantleon gestisce dodici fondi per un totale di quasi 12 miliardi di asset, l’83% dei quali proveniente dal settore istituzionale e il rimanente da quello retail. Il gruppo lavora principalmente con i mercati di lingua tedesca come Svizzera, Austria e Germania. Per la Spagna è l’Italia c’è un accordo di partnership con Capital Strategies Partners fondata e seguita in Italia da Riccardo Milan.

COME FUNZIONA IL FONDO PER IL RETAIL – Il fondo Family&Friends, che si chiama così perché tutto il management ha investito in questo prodotto, adotta una strategia multi-asset (almeno il 50% del portafoglio è sempre obbligazionario investment grade, mentre l’esposizione tattica all’azionario varia da 0 a 40%, sulle materie prime da 0 a 20% e sull’high yield da 0 a 10%) e una gestione attiva della duration basandosi sul ciclo economico globale: si pone l’obiettivo di mantenere un rendimento del 6% annuo con un’ottica di 36 mesi (quindi 6% all’anno per tre anni). La stabilità del rendimento è basata su due pilastri: il primo è l’aggiustamento continuo dei pesi delle varie asset class secondo il ciclo economico, il secondo è la protezione data da uno “zoccolo duro” e sicuro di obbligazioni di alta qualità.

A NOVEMBRE 2012 REGISTRATI I PRIMI DUE PRODOTTI – Circa due anni fa il gruppo ha registrato in Italia altri due fondi (qui la notizia), si tratta dei Bantleon Opportunities S e L. I due comparti si chiamano così perché basano la loro filosofia di investimento su  una strategia a ritorno assoluto definita “opportunities”, nella quale vi sono due motori di performance: da un lato, l’allocazione tattica sul mercato azionario attraverso l’utilizzo di future sul Dax; dall’altro, la gestione tattica della duration sempre attraverso future. L’esposizione può variare, a seconda della strategia small o large, dal 20% al 40% in Dax future, con un obiettivo di rendimento rispettivamente del 4% e 6% l’anno; la gestione extralarge consente di prendere posizioni al ribasso sia sull’azionario che sulla duration. A partire dal marzo 2008, sulla base degli ottimi risultati conseguiti nel biennio precedente, la gestione è stata lanciata tramite il veicolo di una sicav e da allora ha reso circa il 74% con una volatilità inferiore al 6%. Il rating del portafoglio è AAA; il fondo non ha problemi di capacity, in quanto opera su un mercato sottostante con liquidità considerevole.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

I fondi Bantleon nella piattaforma di Banca Patrimoni Sella & C.

Bantleon punta su Fundstore per vendere i suoi fondi

Fondi, Bantleon presenta un nuovo azionario per l’Italia

NEWSLETTER
Iscriviti
X