Amundi: sui mercati incombe la minaccia protezionistica

A
A
A

Le dichiarazioni di Trump stanno agitando i mercati perché se il protezionismo diventasse la regola affonderebbe la crescita mondiale e farebbe salire i prezzi.

Chiara Merico di Chiara Merico14 marzo 2018 | 15:14

LA CORREZIONE – I mercati hanno subito una brusca correzione agli inizi di febbraio, sottolinea Amundi nella sua Weekly Market Review. Dapprima la correzione è stata causata dai timori riguardo all’inflazione da salari e ai suoi effetti collaterali sulla Fed e sui tassi a lungo termine, poi è stata aggravata dai riscatti e dalla volatilità. Grazie alla scomparsa di quest’ultima e ai dati molto solidi sulle imprese, i mercati si sono a poco a poco ripresi, ma hanno dovuto di nuovo cedere del terreno per via delle dichiarazioni rilasciate dalla Fed il 27 febbraio – ritenute “hawkish” – e dell’annuncio di Trump del 2 marzo sui dazi doganali nel settore dell’acciaio.  In teoria, un aumento dei tassi a lungo termine è negativo per le azioni perché quando salgono i rendimenti obbligazionari scendono i premi per il rischio. La realtà è però più complessa perché dipende anche dall’inflazione
e dagli utili. In pratica, un aumento simultaneo dei tassi e delle azioni non è incompatibile se il rialzo dell’inflazione e dei tassi rimane moderato e gli EPS sono solidi. Negli ultimi 50 anni abbiamo visto che quando c’è stato un rialzo dei tassi lo S&P è salito due volte su tre. In questa fase, il trend dei tassi a lungo termine non appare insormontabile per i mercati azionari.

RISCHIO PROTEZIONISMO – Tuttavia, ora agli interrogativi sui tassi si aggiungono le minacce protezionistiche. Queste dichiarazioni stanno agitando i mercati perché se il protezionismo diventasse la regola affonderebbe la crescita mondiale e farebbe salire i prezzi. La crescita potrebbe infatti essere contaminata dal commercio straniero e dal canale degli investimenti. Inoltre, le tasse sulle importazioni e la produzione locale meno competitiva determinerebbero un rialzo dei prezzi e inciderebbero negativamente sul potere d’acquisto indebolendo le azioni. L’industria dell’acciaio non è di per sé sistemica, ma è indicativa del braccio di ferro di Trump che non riguarda solo la Cina, ma coinvolge anche i suoi alleati. Inoltre, questo problema è solo uno dei tanti (TPP, NAFTA, auto tedesche, proprietà intellettuale e altro). Trump sembra ora concentrato sulle sue promesse elettorali, col rischio di alienarsi la simpatia di molti Paesi. Questa minaccia potrebbe ripetersi prima delle prossime elezioni di midterm. Dalle minacce all’azione e alla routine c’è però un certo margine. Il precedente del 2003 mostra che Bush, dopo essere stato sconfessato dall’Organizzazione mondiale del commercio, finì col rimuovere i dazi doganali sull’acciaio. Il nostro scenario centrale rimane quindi lo stesso. D’altro canto la sua probabilità è leggermente diminuita (dal 75% al 70%) a favore dello scenario di rischio (10%-15%).

 


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Amundi lancia due importanti iniziative green & sustainable development

Amundi, Dauphiné sarà il nuovo Head of Euro Alpha Fixed Income

Gestori in vetrina – Amundi

Etf, Amundi fa poker sul tasso variabile

Amundi, utili da applausi nel primo trimestre

Amundi, Ilaria Pisani Head of Asset Management Clients della business unit ETF per l’Italia

Amundi riordina i fondi in Lussemburgo

Salone del Risparmio 2019, atto secondo

Gestori e fondi, ecco i campioni del risparmio sostenibile

Amundi lancia il fondo che piacerebbe a Greta

Amundi, ambizioni e convenienza vengono per Prime

ConsulenTia19, gestori in vetrina: Amundi

Amundi, utile alle stelle (grazie a Pioneer)

In arrivo in Italia gli Eltif, i “Pir” europei

Doppio ingaggio per Amundi

ASSET and the CITY: stasera parla Amundi

Così le sgr affiancano le reti

Etf, forte ripresa dei flussi a novembre

Etf, tripletta Sri di Amundi

Amundi, l’etf incontra l’intelligenza artificiale

Proli (Amundi): “Posizionarsi sui leader della sostenibilità fa la differenza”

Gestori al vostro servizio

Amundi, raccolta e utile da applausi

Perrier (Amundi): “Crediamo nell’Italia e puntiamo ancora su Milano”

ASSET CLASS in edicola: Amundi Sgr: “Gestori al vostro servizio”

Risparmio gestito, chi taglierà le commissioni (o sarà obbligato a farlo)

La manovra italiana sotto la lente del gestore

Amundi, utili e raccolta a gonfie vele

Etf, raccolta in picchiata

Amundi, il mercato italiano affossa il titolo

Fineco AM dà il cambio ad Amundi sui CoreSeries

Amundi, Pottier a capo degli investimenti responsabili

Amundi Sgr si rafforza con Garofalo

Ti può anche interessare

Generali, acquisizione nell’asset management

Completato l’acquisto della maggioranza di Sycomore Asset Management ...

La sostenibilità invade il Salone del Risparmio

“Sostenibile, responsabile, inclusivo. La frontiera del risparmio gestito”, è questo il titolo ...

Tikehau Capital, AuM in crescita

Al 30 settembre del 2018 le masse in gestione si attestano a 15,9 miliardi di euro, con un increment ...