Polizze, ora gli aumenti possono arrivare al 40%

A
A
A

Timori delle compagnie per i contratti della Rc Auto se verrà introdotta una tariffa unica nazionale.

Andrea Telara di Andrea Telara17 ottobre 2018 | 09:14

Una vera e propria stangata per molti automobilisti di varie province italiane e mega sconti per quelli di alcune zone del Sud. Potrebbero essere questi gli effetti delle misure che il governo ha messo in cantiere per le assicurazioni Rc Auto, cioè le polizze che proteggono dagli incidenti stradali. Il Sole24Ore ha dato voce ai timori delle compagnie assicurative che paventano il rischio di dover rimodulare le proprie tariffe, eliminando le differenze di prezzo in base alle zone di residenza degli automobilisti. Il che comporterebbe rincari fino al 40% per certe categorie di assicurati. Oggi, infatti, ci sono alcune province (in particolare al Sud) in cui i premi della Rc Auto sono molto alti, in conseguenza di un elevato tasso di incidenti. E’ il caso di Napoli e Caserta ma anche di alcune zone del Centro Nord come Pistoia e Massa Carrara.

All’opposto, ci sono altre province come Aosta, Pordenone o Biella in cui le tariffe sono ben al di sotto della media nazionale a causa di una bassa frequenza degli incidenti. Dunque, se venisse introdotta la tariffa unica nazionale, gli automobilisti di Napoli vedrebbero scendere i prezzi della Rc Auto del 65% e quelli di altre città come Bolzano subirebbero rincari del 40%. Per adesso, tuttavia, non è ancora chiaro quali provvedimenti adotterà nello specifico il governo in materia di polizze automobilistiche. Le misure di riordino delle tariffe sono contenute nella manovra economica appena varata ma occorrerà un decreto di accompagnamento per conoscere nel dettaglio i cambiamenti in vista. Le compagnie assicurative, in base ai primi riscontri politici che hanno avuto, sono però convinte che l’intenzione del governo sia proprio quella di introdurre una tariffa unica nazionale.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Caltagirone e Del Vecchio, altri piccoli bocconi di Generali

Manovra, la pressione fiscale non scende

Manovra, stangata su banche e assicurazioni

Generali lungo il canale

Prodotti assicurativi, la distribuzione ai raggi X

Compagnie assicurative nel mirino del private equity

Generali cambia vestito al gestito

Unit e index sono polizze. Così parlarono Ania e Aiba

Unipol, semestre solido

Un viaggio sicuro con Allianz GA

L’unico frutto della polizza…è la banana (gonfiabile)

Digitali e assicurati

Axa Italia, assistenza ad alta tecnologia

Polizze Vita, così cambieranno le regole

Polizze vita, bomba della Cassazione

Zurich si mette in Moto

Zurich sempre più smart

La blockchain nel futuro delle assicurazioni

Tutelarsi dopo il mutuo, ecco la polizza

Ubi Banca, un occhio al private, l’altro al retail

Una polizza col sorriso per Deutsche Bank

Generali, utile sopra i 2 miliardi

Bufera sulle polizze vita

La forza del cambiamento di Amissima in tour

Axa Italia, la compagnia assicurativa più innovativa dell’anno

Eurovita, un nuovo volto indipendente dalle solide radici

Allianz GCS, nuovo prodotto per gestire i rischi corporate

Polizze, Reale Mutua e G Data insieme per l’insurtech

Da Swiss Re a Generali, assicurativi aprono in ripresa in Europa

Generali: attesa per cessioni riporta interesse sul titolo

Generali cede le attività Vita in Germania? Per gli analisti sarebbe coerente

Nuovo bond catastrofale per Generali Assicurazioni

Ping An, Allianz e Axa: i tre big mondiali dell’assicurazione giocano a tutto campo

Ti può anche interessare

T. Rowe Price prende Briganti da Morningstar

La manager ricoprirà il ruolo di senior marketing manager Italy&Iberia. ...

Poste, Del Fante: “Restiamo azionisti di Anima al 10,4%”

Del Fante ha quindi confermato che Poste "segue l’aumento di capitale di Anima per la parte relati ...

Tikehau Capital, AuM in crescita

Al 30 settembre del 2018 le masse in gestione si attestano a 15,9 miliardi di euro, con un increment ...